Come fare per….l’Acaro del tarlo: Pyemotes ventricosus

pyemotes ventricosus

L’acaro del tarlo (Pyemotes ventricosus) è un parassita delle larve dei
tarli della famiglia Anobiidae (Anobium punctatum).
Specialmente all’inizio dell’estate possono pungere l’uomo creando
problemi ingenti se presenti in gran numero.
Non occorre sostare lungamente in un ambiente infestato per manifestare reazioni allergiche alla presenza di questo acaro,
infatti la sua particolare tossina può manifestare reazioni anche gravi per breve periodi di soggiorno nei locali infestati.
Sono colpite sia le parti coperte che quelle scoperte del corpo,i ponfi possono presentare la caratteristica scia “a cometa”,
una strisciata rossastra sulla pelle tipica di questo acaro.
La disinfestazione deve innanzitutto riguardare i mobili o le travature colpite dal tarlo,in questi casi occorre comunque effettuare una disinfestazione nell’appartamento con prodotti acaricidi in sinergia con l’antitarlo,per cui occorre in ogni caso lasciare l’appartamento almeno per una notte o più.
Per informazioni Rosi Norman Tel 0583-955344

qualita@romanidisinfestazioni.com

4 thoughts on “Come fare per….l’Acaro del tarlo: Pyemotes ventricosus”

  1. Ho un edificio con travi in legno, ho già provveduto per ben due volte a far fare la disinfestazione sia alle travi e travicelli con antitarlo, che con fumigazioni e vaporizzazione praticamente di tutta la casa. Ebbene qualche giorno fa mi sono ritrovatoi a dormire in casa, e ho almeno venti appinzature dovute al pyemotes, avvenute in giorni consecutivi sino ad oggi.
    Mi chiedo se la ditta non abbia lavorato in modo non corretto, magari con materiali non esattamente giusti.
    Vorrei poter avere una qualche forma di risposta.
    Grazie.

  2. Salve e grazie del Suo messaggio. Purtroppo non è possibile per noi stabilire se sia stato fatto il lavoro a regola d’ arte, dovrebbe essere fatta una perizia per stabilire questi aspetti. Non saprei come aiutarla, certamente il problema va risolto, ci indichi da dove ci contatta e potremmo indicare un alternativa. Grazie. Rosi Norman

  3. Grazie Luciano,l’articolo riguarda i parassiti dei tarli per cui mi sento di escludere i pappataci da questa categoria anche se questi possono provocare dei ponfi pruriginosi ma la loro presenza è slegata da quella dei tarli.Grazie di nuovo per il Suo contributo che mi ha permesso di chiarire il senso dell’articolo.Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *