La vita dei topi tra verità e leggenda

La vita dei topi tra verità e leggenda

Di seguito troverete alcune delle risposte alle domande più frequenti che ci capita di ricevere dai nostri clienti e che a volte vengono rappresentate come vere e proprie leggende.
In questa sezione,non trattandosi di una sede scientifica, con il termine “topi” si intendono ratti e topi indistintamente ove non diversamente specificato.

I topi possono:

– bere acqua inquinata da metalli pesanti o con carica microbica elavata

– rodere piombo,ferro,metalli in genere

– rodere legno,cemento,lana di roccia

– nuotare per 500 metri stando in apnea per alcuni minuti

– risalire gli scarichi fognari fino al wc

– in un anno da una coppia di roditori si possono ottenere teoricamente 2000 individui

– superare shock elettrici

– essere resistenti ad alcuni p.a. anticoagulanti (es.Bromadiolone)

– vivere anche fino a 10-12 giorni dopo l’ingestione di in esca rodenticida anticoagulante

– camminare e correre sui cavi elettrici sospesi

– infilare la coda nella damigiana d’olio e portarla alla bocca per succhiare l’olio

– far rotolare uova per poi farle cadere e una volta rotte mangiarle

– bere acqua salata e di mare

– usare la coda come bilanciere se camminano su fili e cavi elettrici

– camminare lungo la parete perchè ottimizzano lo spazio da controllare dai pericoli

– memorizzare i luoghi e i percorsi usando i sensi anche nell’oscurità.Questo fenomeno è reso pèossibile da un meccanismo detto anche “Sinestesia” e fa riferimento a quelle situazioni in cui una stimolazione uditiva, olfattiva, tattile o visiva è percepita come due eventi sensoriali distinti ma conviventi (esempio vediamo un frutto e ne percepiamo un sapore).

– la femmina del topo può ritenere lo sperma del maschio per usarlo al momento opportuno

– la femmina può gestire il periodo di “estro” per rimanere gravida

– le colonie seguono una precisa gerarchia:ci sono individui dominanti ed altri regressivi.

– saltare e salire su  pareti alte fino a 1metro

– passare da fessure grandi almeno quanto la testa

– i topi infestano tutto il globo compreso il polo nord e il polo sud

– i topi non vivono a lungo,in genere non più di un anno in ambiente esterno e in presenza di predatori,fino a tre anni in laboratorio

– si possono alzare sulle zampe posteriori usando la coda come base di appoggio

– i topi non possono essere lunghi mezzo metro

– i topi non sono disturbati dall’odore delle mani che hanno toccato un’esca rodenticida

– i topi non  hanno una vista sviluppata come si crede:si muovono agilmente al buio usando tutti i gli altri sensi in sinergia.

– i ratti in particolare possono attaccare animali domestici quali pulcini,volatili in genere,conigli,suini ed altri ancora.

– i topi urinano e defecano continuamente per marcare il territorio dove vivono e si spostano

– non ci sono topi assaggiatori ma topi più deboli nel gruppo e quindi più affamati, meno diffidenti rispetto ai soggetti dominanti del gruppo stesso.

– non esistono le esche rodenticide che “seccano” i topi,ossia gli mummificano:il fenomeno della mummificazione puo’ essere indotto dagli anticoagulanti qualora provochino elevate emorragie e disidratazione che però deve essere repentina e avviene sempre in concomitanza di specifiche condizioni ambientali di temperatura e umidità.

– Non è vero che i topi avvelenati con l’anticoagulante una volta deceduti non rilasciano cattivi odori.

– Non è vero che gli anticoagulanti mandano i topi a morire lontano.

– mangiare ogni giorno cibo per circa un terzo del loro peso

– trasmettore malattie anche mortali come Leptospirosi,peste petecchiale,

Fiabe,favole,novelle,fumetti,cinema

– La favola de “Il pifferaio magico” dei fratelli Grimm

– Alcune favole di Esopo

– Mickey Mouse o Topolino il fumetto di Walt Disney

– La serie di racconti “Geronimo Stilton”

Torna a www.romanidisinfestazioni.com

La vita dei topi tra verità e leggenda ultima modifica: 2014-11-14T17:50:54+00:00 da Norman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *