Archivi tag: Aracnidi

Il veleno degli scorpioni

il veleno degli scorpioni
Il veleno degli scorpioni viene usato principalmente per la cattura delle prede ed è formato da complesse miscele di neurotossine (tossine che bloccano il funzionamento del sistema nervoso), formate principalmente da proteine e da cationi di sodio e di potassio; ogni specie ha la propria miscela unica.
Il veleno degli scorpioni è principalmente rivolto a bloccare l’attività in altri artropodi; di conseguenza in generale è innocuo per gli esseri umani, e una puntura può produrre solo effetti localizzati (dolore, gonfiore e sensazioni di sfinimento). Alcuni scorpioni però, principalmente della famiglia dei Buthidae (come lo scorpione dorato della Cina), possono essere molto pericolosi per l’uomo. Fra le specie più pericolose vi è il Leiurus quinquestriatus, che possiede il più potente veleno della sua famiglia, e i membri dei generi Parabuthus, Tityus e Androctonus.

Il veleno di questi scorpioni in rari casi si è verificato letale, anche se in generale questi animali non sono in grado di inoculare veleno sufficiente per uccidere un adulto sano, e la maggior parte dei decessi avviene fra i giovani, gli anziani e gli infermi. A meno che non siano disturbati, gli scorpioni sono generalmente timidi e fanno uso del loro pungiglione solo allo scopo di uccidere la preda. Solitamente cercheranno di fuggire al pericolo o rimarranno immobili. Non si sa con precisione se sono soliti conservare il veleno, ma spesso questo è usato solamente se non sono in grado di sottomettere la loro preda con i due artigli. Molti generi di scorpioni (come Pandinus e Hadogenes) usano raramente il loro veleno, confidando invece nei loro possenti pedipalpi.

Nota della Redazione
Fortunatamente in Italia gli scorpioni risultano essere privi di effetti letali a differenza dei loro colleghi di cui sopra,anche se non può essere esclusa la puntura sopratutto se lo scorpione venga attaccato o se si sentisse in pericolo.Non possono essere escluse allergie individuali alle sostanze velenifere infatti: “…Le specie autoctone italiane non sono pericolose per gli uomini e gli animali domestici: a meno che non esista un’allergia alla tossina inoculata dallo scoprione, la puntura ha un effetto simile a quello provocato da una puntura di vespa.

(fonte www.wikipedia.it)