Archivi categoria: Lepidotteri

Ridurre il Rischio di Contaminazione da Insetti Alati

Tra i casi che più di frequente si verificano nell’industria alimentare è senza dubbio la contaminazione da insetti alati.

Gli insetti alati sono quegli che maggiormente si rendono responsabili di questi episodi, con conseguenze molto serie sia per quanto riguarda la salubrità dell’alimento sia per quanto riguarda i danni di immagine per l’Industria Alimentare.

La loro natura permette una elevata mobilità fuori e dentro l’Azienda ed occorre quindi adottare una moltitudine di accorgimenti al fine di limitare ed impedire l’accesso e la mobilità di questi insetti dentro le strutture.

A titolo di esempio riportiamo la presenza di contromisure fisiche come le zanzariere, porte e finestre che chiudano efficacemente,la presenza di aree di compensazione e filtraggio tra area esterna ed interna ecc.

Per le aree interne vi devono essere un flusso di processo coerente e aree delimitate e separate con portoni scorrevoli a chiusura automatica, mentre nelle aree produttive ove possibile e laddove la tipologia produttiva lo richieda una efficace azione preventiva è svolta dagli ambienti climatizzati che sono un ottimo (per noi) e inadatto (per gli insetti) microclima che impedisce la loro sopravvivenza e sviluppo.

Spunti per il progetto di un impianto di monitoraggio degli insetti alati

L’approccio al sistema di monitoraggio degli insetti volanti inizia considerando i punti di ingresso ed il percorso degli insetti. Non tutte le aree aziendali presentano lo stesso Indice di Rischio di intrusione e contaminazione per cui deve essere individuato un criterio che attivi le difese nei punti di accesso (aree di carico/scarico dove le porte e portoni sono spesso aperti per lunghi periodi) e al contempo assicuri assenza di potenziale contaminazione nelle aree produttive e del confezionamento dove la presenza di insetti volanti specialmente le mosche potrebbero avere un effetto disastroso per la contaminazione diretta e indiretta di alimenti e bevande.

Possiamo dividere uno stabilimento in 3 zone classificate per il diverso indice di Rischio da intrusione e contaminazione (Ingrandisci l’immagine)

tre_linee

1° Linea

Aree di accesso ingressi a magazzini di carico e scarico: alto rischio di intrusione degli insetti volanti.

Rappresenta la prima Linea di filtraggio degli insetti volantied è qui che occorre massimizzare le catture onde evitare la penetrazione nelle aree piu’ sensibili.

 2° Linea

Aree intermedie: la seconda linea di difesa compresa tra le aree di accesso e le aree critiche.

E’ la seconda Linea di difesa che ha un grado medio di Rischio di intrusione e contaminazione.

Si deve perfezionare  in queste aree le catture degli insetti che abbiano oltrepassato la prima linea di Lampade UVA

 3° Linea        

Aree e punti critici della produzione e del confezionamento: minor rischio di intrusione ma alto rischio di contaminazione del prodotto esposto.

In questa zona le catture dovrebbero essere ridotte al minimo.

Calibrare i Limiti Critici nei livelli piu’ bassi e possibilmente a carico sopratutto di piccoli ditteri.

Dimensionamento

Le Lampade UV in base al modello hanno una copertura definita nella scheda dell’attrezzatura e questa copertura è espressa in metri quadrati (vedi immagine della confezione)

Il dimensionamento deve essere fatto quindi in base al grado di copertura dell’apparecchio e alla dimensione dell’area da monitorare.

lampada_uva

Posizionamento e Altezza

L’apparecchio elettroinsetticida dovrebbe essere posizionato non molto alto, per esempio la base della lampada puo’ essere a 2,10-2,20 metri da terra.

La lampada deve essere:

  • posizionata in modo da non intralciare il passaggio di muletti e personale.
  • a 90° dalle fonti luminose,quindi non sotto le finestre e lampade.
  • lontana da flussi di corrente d’aria che disturbino il volo degli insetti alati
  • lontana dalle linee produttive,zona impasti e alimenti aperti.

Manutenzione

Gli apparecchi elettroinsetticidi richiedono il ricambio dei neon ogni 12 mesi.

I neon devono essere Shatterproof ossia devono essere dotati di una guaina in plastica trasparente che in caso di deflagrazione impedisca la dispersione dei frammenti.Si riconoscono per una fascetta simile a quella della fotografia sotto.

20_watt_shatterproof

Modalità di cattura

Le lampade UV devono catturare gli insetti immobilizzandoli su un pannello collante ricambiato a frequenze variabili a seconda della stagionalità, comunque minimo una volta ogni 30 giorni.Lampada_UVA

Coadiuvanti di cattura

Al centro del pannello collante possono essere posizionati dei “patch” impregnati di feromone per insetti volanti delle derrate al fine di incrementare la possibilità di monitorare questi pericolosi insetti.In questo modo si puo’ integrare efficacemente il sistema di monitoraggio delle trappole per le tignole.

patch

Colore dei neon

I neon sono per la maggior parte a luce blu od in taluni casi abbinati a neon a luce verde anche se questi ultimi sono meno utilizzati.

Colore dei pannelli collanti

E’ dimostrato che il colore giallo dei pannelli ha un effetto cromotropico positivo sulla capacità di attrarre i ditteri.Infatti i pannelli collanti gialli catturano le mosche anche in assenza della luce dei neon blu.

pannello_giallo

Ma in presenza della luce blu dei neon questa capacità attrattiva risulta meno evidente e la loro capacità attrattiva è in questo caso paragonabile ad altri pannelli con colori bianco o nero inseriti nelle lampade.

I colori bianco e giallo sono preferibili e comunque da utilizzare in quelle aree dove la presenza di insetti ha dei limiti critici molto bassi e quindi è raccomandata l’evidenza visiva immediata di eentuali criticità.

Base in cartoncino o plastica

La base del pannello collante dovrebbe essere preferibilmente in plastica specie negli ambienti umidi dove il rischio di schizzi delle acque di lavaggio potrebbe imbibire il cartoncino collante riducendolo in poltiglia.

Pannello “grigliato” per un facile conteggio

Agevola il conteggio degli insetti laddove la superfice del pannello abbia una omogenea densità di catture.

Grado di protezione IP

Il grado di protezione IP indica che l’apparecchio elettroinsetticida è stato costruito per resistere in ambienti che per la loro natura potrebbero favorire episodi di schock elettrico (ambienti umidi) ed esplosione (ambienti polverosi) , per cui possiamo elencare alcune tra le piu’ comuni categorie di Lampade UV.

Vedi la tabella che abbina il grado di protezione IP contro oggetti,acqua e polvericontaminazione da insetti alati

Nelle aree dei silos farine o con molta polvere occorre usare apparecchi elettroinsetticidi Certificati Atex.

Concludo dicendo che il monitoraggio degli insetti alati è spesso un capitolo debole del sistema di Pest Management in quanto le lampade hanno in genere un costo piu’ elevato rispetto ad altri dispositivi, sia in caso di acquisto che di noleggio e lo scopo del post è quello di definire con maggior precisione un progetto razionale di monitoraggio al fine di massimizzarne l’efficacia ad un costo minore possibile per l’Industria che comunque deve affrontare questa capitoclo con le dovute accortezze onde evitare Reclami e Non Conformità che ricadrebbero inevitabilmente anche sulla ditta a cui è affidato il servizio di Pest Management.

Rosi Norman

rosi_norman

 

 

 

linkedin

 

 

Romani Disinfestazioni Srl LUCCA Tel 0583-955344 Cell 337-1238029
Controllo Qualità

 

Lepidotteri infestanti nelle Industrie Alimentari

I Lepidotteri sono tra gli infestanti più comuni nelle Industrie alimentari dove si lavorano farine e derivati, in particolare Plodia i. ed Ephestia k. creano non pochi problemi per il rischio di contaminazione degli alimenti sia allo stadio larvale che adulto una volta che hanno completato il loro ciclo vitale.

Perchè ci sono i Lepidotteri

Il motivo principale stà nella tipologia produttiva che per sua natura facilita la presenza di farina che si accumula nei macchinari durante la lavorazione, andando a formare all’interno degli strati di farina dove questi insetti proliferano indisturbati protetti dai carter.I ritmi produttivi imposti dal mercato non consentono come una volta la gestione pianificata delle operazioni di fermo produzione, perchè per ammortizzare i costi e venire incontro alle esigenze commerciali della Clientela le macchine devono lavorare incessantemente spesso su tre turni.

Che dire poi della possibile presenza di questi insetti nei silos delle farine e dentro le tubazioni?Episodi di fermo produttivo dovuto ad intasamenti sono ben conosciuti dagli addetti ai lavori e sappiamo le ore che si perdono a ricercare i punti interessati e ripristinarne la funzionalità.

lepidotteri infestanti
Fig.1 Silos con massiccia infestazione di migliaia di lepidotteri

E’ quindi ora che siamo nel periodo estivo che questo problema si conclama in quanto l’attività degli insetti è al massimo grado di sviluppo.

Cosa e come fare la prevenzione

Sembrerà strano detto da un Disinfestatore ma dobbiamo dire che la pulizia intesa come rimozione delle farine accumulate è il primo e il piu’ importante passo da fare senza il quale non vi è una corretta gestione dei lepidotteri infestanti.

Importante promuovere l’uso degli aspirapolveri al posto delle granate e delle scope che vediamo a volte usare, ma sopratutto evitare i compressori d’aria che sono largamente utilizzati negli stabilimenti e con grande danno perchè l’aria compressa diffonde in aria larve, insetti e sopratutto uova di lepidotteri e non solo che venogono cosi’ dispersi nell’ambiente.

Per questo è importante che la ditta di pulizie sia formata sul problema e comprenda la necessità di rimuovere la farina causa primaria della “Capacità Portante” del sito per questi infestanti.

Al pari del personale Alimentarista anche quello della Ditta di Pulizia puo’ partecipare agli incontri formativi sul Pest Management dove si danno alcuni semplici consigli sul riconoscimento degli infestanti piu’ comuni e sulle tecniche che adottiamo per combatterli.Importante anche spiegare al personale l’importanza di mantenere le trappole nel loro punto avendo cura di non spostarle o peggio romperle.

haccp

Fig.2 Fac simile di attestato incontro formativo sulla prevenzione dalle infestazioni

Dove fare la prevenzione

Per una pulizia efficace occorre pulire dove l’occhio non vede, ossia bisogna andare a cercare lo sporco per rimuoverlo bene dai punti nascosti e non limitarsi a pulire dove lo sporco è visibile.Armarsi quindi di chiave inglese e cacciaviti per smontare placche,carter,protezioni e poi procedere con l’aspirazione.
Macchinario_infestato

Fig.3 Parte interna di un macchinario con evidenza di tracce di larve e adulti di Ephestia morti.

Consigliamo di chiedere il supporto della squadra dei meccanici che sono preziosissimi collaboratori delle ditta di pulizia e disinfestazione , anzi direi che i meccanici/manutentori sono fondamentali per aiutare i disinfestatori ad una efficace gestione degli infestanti nelle aziende.

La presenza di superfici con accumulo di sporco oltre che rappresentare poi un potenziale focolaio infestativo sono anche un fattore che inficia eventuali trattamenti di disinfestazione, chimici e non chimici, per cui è fondamentale procedere a pulizie approfondite al fine di massimizzare l’efficacia della Gestione degli Infestanti

Monitoraggio con feromoni

Largamente utilizzato per comprendere gli andamenti quali-quantitativi delle infestazioni questo metodo si dimostra ottimo anche per bloccare sul nascere eventuali micro-infestazioni occasionali in ambienti “vergini” .

I feromoni oggi in commercio nel mercato della disinfestazione sono tutti molto efficaci anche se consigliamo di provarne alcune marche sul campo per individuare il piu’ adatto alla situazione specifica.Un fattore importante è la collocazione delle trappole sia a livello di dimensionamento (n base al feromone usato questo copre una superficie piu’ o meno estesa) che di ubicazione, in quanto specie per l’Ephestia k. questa a livello adulto tende a spostarsi camminando senza volare per cui una trappola vicina al macchinario infestato catturerà molto di piu’ rispetto ad un altra trappola che anche fosse solo a due metri di distanza.

La Confusione sessuale

Sistema piu’ evoluto basato sull’uso di molecole che diffuse in sovradosaggio mandano in tilt i recettori dei maschi adulti dei lepidotteri che infatti è possibile vedere appoggiati alla parete incapaci di seguire scie feromoniche distinte tanto che spesso cadono esausti sul pavimento.Questo sistema non sostituisce l’uso dei feromoni attrattivi ma puo’ essere considerato un sistema ecologico integrato di controllo con il quale risolvere infestazioni nel medio-lungo periodo.
confusione-sessuale
Fig.4 Blister di feromoni per la Confusione sessuale Dismate

Il Controllo delle infestazioni

Sulle tecniche di controllo vorrei solo fare qualche cenno senza addentrarmi oltre perchè lo scopo di questa riflessione è puntare l’accento sulla prevenzione e non sulla disinfestazione.

Controllo chimico con insetticida nebulizzato

Sistema tradizionale che ha trovato negli ultimi anni un valido aiuto nelle nuove attrezzature che sfruttano la tecnologia dell’Ultra Basso Volume (ULV) con la quale è possibile con alcuni particolari (e costosi) prodotti insetticidi creare una nebbia finissima dove le particelle restano in sospensione per lungo tempo, creando quell’effetto “fallout” che aumenta notevolmente l’abbattenza degli insetti.
exodus
Fig.5 Apparecchio per la nebulizzazione di insetticida a ULV

Bisogna dire pero’ che la disinfestazione eseguita a posteriori a seguito di infestazione conclamata costituisce un intervento straordinario che ha lo scopo di riportare l’infestazione al di sotto dei limiti critici, in un momento pero’ in cui l’infestazione stessa è praticamente sfuggita di mano.In sostanza si tratta in molti casi di “chiudere la stalla quando i buoi sono scappati” e questo confligge con i principi del Pest Management.

Ha inoltre un ridotto effetto preventivo in quanto i tempi di azione dei prodotti chimici spesso sono molto limitati,specie quegli che si usano nelle Aziende Alimentari che sono a base di Piretro la cui residuabilità in certi casi è di qualche ora, massimo un giorno, per cui non hanno alcun effetto su insetti che si presentassero successivamente ma questo è anche un bene perchè impedisce che il prodotto rimanga nell’ambiente rischiando di contaminarlo.

I prodotti chimici non hanno poi in nessun caso effetti su uova e larve.

Controllo Chimico con Gas Tossico

E’ un metodo di disinfestazione radicale, laddove è possibile attuarlo, basato sull’uso di gas tossici.Questi interventi sono eseguite da poche ditte specializzate ed autorizzate

Hanno il pregio di essere efficaci contro tutti gli stadi larvali e di scomparire una volta che la struttura è riaperta ma limite della notevole tossicità che ne condiziona la fattibilità operativa, specie in contesti urbani o laddove la struttura non sia adeguatamente isolata da altre costruzioni.

In questa sede non parlero’ poi di altri limiti operativi della disinfestazione chimica costituiti dal dover eseguire interventi a stabilimenti chiusi, possibili problemi di contaminazione chimica,ecc.

Controllo non chimico: Il Calore

Sistema in crescita negli ultimi anni, come il gas tossico ha un’ottima efficacia contro tutti gli stadi degli insetti.Presenta alcune particolarità operative legate alla natura dei fabbricati e che devono essere valutate per verificarne la perfetta efficacia.

Non ha effetti residuali e quindi questo è un bene perchè non vi sono rischi di contaminazione post-intervento.

Conclusioni

Concludo dicendo che in un sistema virtuoso la gestione dei Lepidotteri deve essere perseguita tramite un approccio sistematico che prenda in considerazione tutti gli aspetti coinvolti, partendo dalla prevenzione tramite una pulizia continua e passando per un monitoraggio costante e la cui analisi aiuti il Tecnico a individuare le zone maggiormente critiche e solo in ultima analisi l’esecuzione di una disinfestazione come azione correttiva improcrastinabile e non come prassi operativa.

Rosi Norman

CQ Romani Disinfestazioni Srl Lucca.

www.romanidisinfestazioni.com

English version

Lepidopteras in a Food Factory

Lepidopteras and particularly Plodia i and Ed Ephestia k are among the most common type of pests in the Food Industries where flour and simalar products are being used. Pests create a lot of problems regarding food contamination during their life cycle, both at the larval stage and at the adult stage.

Why Lepidoptera?

The main reason lies in the type of production which, by its nature, facilitates the presence of flour that accumulates in the machinery during processing, and forms within the layers of flour where these insects proliferate undisturbed protected by the hulls. For the sake of production cost, the planned productions doesn’t allow time to stop, check and clean the machinery on a regular basis. Factories are focused on meeting the market’s need, optimizing production by making the machinery work constantly on a three shift basis, reducing costs etc.

What about the possible presence of these insects in the flour cilos and in the pipes? Episodes of stopping the production are wellknown among factory workers and we are very well awair of the production hours lost searching for the problem and restoring functionality.

silos_farina
Fig.1 Cilos with massive infestation of thousands of Lepidopterans

Now, during summer,  where the activity of the insects is at the highest level, the factories faces most problems with pests.

What and How to Prevent

It might seem as a strange advise from a Disinfestrator, but we have to say that prevention – regular cleaning and removal of accumulated flour etc. – is the first and most important step for management to avoid a weed moths.

It is important to recognize the use of industrial vacuum cleaners instead of grenades and other scopes, that we sometimes see.
Above all, avoid the air compressors that are widely used in the plants and with great damage because compressed air spreads into the air larvae, insects and Especially lepidoptera eggs and not only that they are so dispersed in the environment.

For this it is important that the cleaning companies are informed of the problem and understand the need to remove the primary cause flour of the “carrying capacity” of the site for these weeds.

Like the Alimentarist staff, that of the Cleaning Company can take part in training sessions on Pest Management where they give some simple advice on the recognition of the most common pests and the techniques we adopt to combat them. It is also important to explain to the staff the importance of Keep the traps in their place while taking care not to move them or to break them.

haccp

Fig.2 Fac similar to attestative training meeting on the prevention of infestations

Where to Prevent

For effective cleaning you need to clean where the eye does not see, that is, you have to go looking for dirt to remove it from hidden spots and not just to clean where the dirt is visible. Then use a wrench and screwdrivers to disassemble plaques, Protections and then proceed with aspiration.
Macchinario_infestato

Macchinario_infestato

Fig.3 Internal part of a machine with evidence of larvae and adult deaths of Ephestia.

We would like to ask for the support of the team of mechanics who are very valuable contributors to the cleaning and disinfestation firm, and I would say that the mechanics / maintainers are essential to helping the pimpers to effectively manage the weeds in the farms.

The presence of surfaces with dirt build-up as well as posing a potentially infestable outbreak are also a factor affecting any chemical and non-chemical disinfestation treatments, so it is essential to perform thorough cleaning in order to maximize the effectiveness of Pests

Monitoring with pheromones

Largely used to understand the quantitative-quantitative trends of infestations, this method is also good for blocking the emergence of occasional micro-infestations in “virgin” environments.

Pheromones today on the market in the pest control market are all very effective although we recommend trying out some brands on the field to find the most suitable for the specific situation. An important factor is the location of the traps both at the sizing level (n based on pheromone Used this covers a more or less extended area) than of a location, as species for the Ephestia k. This adult-level tends to move by walking without flying, so a trap near the haunted machine will capture much more than another trap that would be just two yards away.

Sexual Confusion

The most advanced system based on the use of molecules spreading in overdose casts adult adult mothers receptors, which in fact can be seen on the wall that are incapable of following distinct pheromone sciences so often they fall exhausted on the floor. This system does not replace The use of attractive pheromones but can be considered as an integrated ecological control system with which to resolve infestations in the medium to long term.

confusione-sessuale

Fig.4 Pheromone Blisters for Sexual Confusion Dismatise

Control of infestations

On the control techniques I would just like to make a few nods without going further because the purpose of this reflection is to focus on prevention rather than on disinfestation.

Chemical control with nebulized insecticide

Traditional system that has found in recent years a valuable help in new equipment that utilizes Ultra Low Volume (ULV) technology with which it is possible with some particular (and expensive) insecticide products to create a finest fog where the particles remain in suspension For a long time, creating that “fallout” effect that dramatically increases the insect fatigue.

exodus

Fig.5 ULV Insecticide Spraying Device

It is to be said that the disinfestation carried out after incessant infestation is an extraordinary intervention aimed at bringing the infestation back to the critical limits, at a time when the infestation itself is virtually escaped Hand. Basically, it is in many cases “to close the stable when the oxen have escaped” and this conflicts with the principles of Pest Management.

It also has a reduced preventive effect since the time of action of chemicals is often very limited, especially those used in Pure Food companies, whose residuals in some cases are of a few hours, a maximum of one day, to Which have no effect on insects occurring subsequently but this is also good because it prevents the product from remaining in the environment and may contaminate it.

In any case, chemicals do not have any effects on eggs or larvae.

Chemical Control with Toxic Gas

It is a radical disinfestation method where it can be implemented, based on the use of toxic gases. These interventions are carried out by a few specialized and authorized firms

They have the advantage of being effective against all larval stages and disappearing once the structure is reopened but limits the considerable toxicity that affects its operational feasibility, especially in urban contexts or where the structure is not adequately isolated from other constructions.

Here I will not speak of other operational limitations of the chemical disinfestation of having to carry out operations at closed plants, possible chemical contamination problems, etc.

Non-chemical control: Heat

A system that has been growing in recent years, as toxic gas has a great effect against all insect stages. It has some operational features linked to the nature of the buildings and needs to be evaluated in order to verify their effectiveness.

It has no residual effects and therefore this is good because there are no risks of post-intervention contamination.

Conclusions

I conclude by saying that in a virtuous system the management of Lepidotteri must be pursued through a systematic approach that takes into account all aspects involved, starting from prevention through continuous cleaning and passing on a constant monitoring and whose analysis helps the technician to identify the Most critical areas and only ultimately the execution of a disinfestation as a corrective action improvised and not as operating practice.

Rosi Norman

rosi_norman

 

 

 

linkedin

 

 

Romani Disinfestazioni Srl LUCCA Tel 0583-955344 Cell 337-1238029
Controllo Qualità

 

 

Le tarme dei tessuti

le tarme dei tessuti
Le tarme dei tessuti o tarme della lana sono principalmente le specie Tineola bisselliella e la Tinea pellionella.
Spesso le infestazioni non sono notate fino a che non si effettua il cambio stagionale dei vestiti negli armadi, trovando così danneggiate maglie, cappotti,giacche,pellicce, cuscini od altro.

 




 

Ad un’attento esame degli oggetti si può rilevare la presenza di ragnatele di seta che sono filate dalle larve quando vanno a formare il bozzolo.

Ricordando che i danni sono causati dall’attività delle larve spesso ciò che si nota sono gli adulti, simili a farfalline dorate con apertura alare di 12 mm che svolazzano per casa, e di solito in questi casi si tratta di maschi.

I maschi adulti sopravvivono alle femmine, tra i pochi casi in natura: infatti le femmine hanno poca attitudine a volare portando 40-50 uova per 2-3 settimane e muoiono una volta completata la deposizione.Le uova sono collegate al supporto con sottili fili di tessuto e schiudono dopo 4-10 giorni a seconda della stagione.

Il periodo larvale con le diverse fasi di muta può durare da un mese fino a 2 anni , la larva è giallastra con la testa scura e produce degli escrementi del colore della stoffa o del tessuto mangiato.
Le larve giovani non disdegnano anche altre fibre vegetali oltre alla lana ed tutti gli altri tessuti contenenti cheratina.
L’impupamento dura da 8 a 10 giorni in estate, da 3 a 4 settimane in inverno. Gli edifici riscaldati facilitano tutti questi processi per continuare lo sviluppo nei mesi invernali.
In una stagione normalmente il tempo per lo sviluppo da uovo a uovo è di 4 a 6 mesi, e ci sono generalmente due generazioni l’anno.

http://www.youtube.com/watch?v=ml66LEXyxsI

Riepilogando le larve possono nutrirsi di: maglie,canottiere,giacche,cappotti di lana, tappeti, moquette, mobili imbottiti, pellicce, setole animali, feltro, farina di pesce,parte esterna degli insaccati.Sintetici o tessuti come il cotone sono attaccati se sono mescolati con la lana.
Tessuti colorati,non puliti,con macchie di cibo o liquidi organici sono più soggette a danni.

 

Le tarme possono essere efficacemente controllate da una varietà di metodi, tra cui a titolo riepilogativo:

  • Lavaggio a secco
  • Mettere le maglie imbustate in congelatore per qualche giorno
  • Catture con trappole feromone specifico

Solo nei casi piu’ gravi si deve ricorrere ad una disinfestazione.

Nelle aziende e nelle industrie che lavorano tessuti si consiglia l’uso di trappole a feromone e non trappole elettroinsetticide a luce verde e blu  in quanto le tarme dei tessuti non vengono attratte da questi apparecchi.

Se l’umidità può essere mantenuta bassa all’interno degli armadi si crea un ambiente sfavorevole alle tarme.

Se l’infestazione è più grave del previsto potete contattarci per un parere professionale.