Disinfestazione naturale

C’era una volta…le antiche ricette della disinfestazione

Così abbiamo chiamato questa sezione dedicata a tutti quei metodi popolari utilizzati per lungo tempo e che, in taluni casi, si rivelano validi ancora oggi.
Nel corso di  anni di lavoro nel settore della disinfestazione abbiamo diligentemente annotato i racconti dei  nostri Clienti che ci illustravano questi metodi che loro stessi avevano visto usare o raccontare dai propri padri e dai loro nonni.
Quando non c’erano prodotti chimici e l’industria non sfornava di continuo nuove diavolerie, solo l’ingegno (e a volte la disperazione) erano le uniche armi a disposizione per cercare di difendersi dalle fastidiose  presenze di parassiti nelle proprie case,nelle capanne,nei pollai, negli orti.

Gradiremmo un Tuo commento e magari una segnalazione circa altre “strane” tecniche della nostra tradizione popolare, perlopiù sconosciute, forse inefficaci ma che sarebbe un peccato perdere;descrivila brevemente ed aiutaci ad arricchire questo vero e proprio “Museo” della disinfestazione.
Nota della Redazione: alcuni dei consigli o delle ricette seguenti prevedono l’utilizzo di sostanze oggi divenute non commerciabili o definite pericolose per la manipolazione e l’utilizzo,specie in presenza di animali domestici e bambini, per cui si raccomanda di prendere il testo che segue a solo titolo divulgativo e di curiosità.Alcune specie infestanti possono essere vettori di patologie verso l’uomo e gli animali per cui si consiglia di rivolgersi ad un disinfestatore professionista che vi sappia consigliare per una veloce risoluzione dell’infestazione in atto.




Caffè e gesso contro le formiche

Mischiare i fondi del caffè che avete messo da parte con gesso, in misura del 50% e spargere esternamente lungo i camminamenti delle formiche o sopra i nidi.E’ un metodo naturale che non le uccide ma le dissuade dai percorsi abituali.

Spray naturale contro le zanzare e i pappataci
Diluire poche gocce di Olio di Eucalipto in 250 ml di aceto di mele e mettere la soluzione ben amalgamata in uno spruzzino, aspergendo le parti esposte frequentemente in quanto l’aceto esplica la sua azione repellente maggiormente quando è liquido e non evaporato.

Spray naturale di aceto contro le cavallette

Diluite una parte di aceto di mele in tre di acqua con 5 grammi di scaglie di sapone e inserire la soluzione amalgamata in uno spruzzino, spruzzate la soluzione sulle foglie e radici delle piante infestate dalle cavallette la mattina presto ,se trovate già alcune cavallette presenti bagnatele direttamente. Aspettate 2 giorni e continuate l’operazione finché necessario.


Bacinella d’acqua per le farfalline della farina

In caso di infestazione da lepidotteri ossia farfalline provenienti da larve che si nutrono di prodotti farinacei e cereali oltre ad eseguire le operazioni di pulizia necessarie,rimuovendo quindi i pacchi di biscotti o farina infestate ed aspirando i residui che facilmente si possono formare nelle dispense è possibile usare le trappole che si trovano in commercio per catturarle.
Abbiamo potuto constatare come le farfalline ricerchino l’acqua per cui mettendo una bacinella d’acqua su una mensola o sopra la dispensa facilmente le farfalline vi possono cadere,massimizzando così le catture e velocizzando i tempi di sanificazione.

Gallina Nera Gigante d’Italia arma letale contro i roditori

Si tratta di una razza di galline in via d’estinzione particolarmente aggressiva nei confronti dei topi e dei ratti tanto che nei pollai dove si allevano queste galline i topi sono praticamente inesistenti.I maschi eccellono per le doti letali nei confronti dei roditori.Si potrebbe consigliare di inserire in un pollaio una gallina di questa razza per abbattere la popolazione murina che spesso rappresenta una vera e propria piaga in quegli ambienti.

Come allontanare Cani e Gatti con il pepe senza irritarli

Lasciar macerare 50 g di pepe bianco o nero in 0,5 lt di acqua per 2 giorni e poi spruzzare il filtrato negli angoli e nei punti dove i cani e i gatti sono soliti fare i loro bisogni.

Cd repellente contro i piccioni

Appendere 4-5 Cd (compact disk) fuori dalla finestra o dal balcone utilizzando uno spago o del filo di plastica del tipo che si usa per la pesca.

I riflessi imprevedibili del Cd sono molto fastidiosi per i piccioni che si terranno alla larga.

Ammoniaca e sardina contro la mosca dell’olivo
In una bottiglia di plastica opportunamente predisposta per le altre analoghe trappole descritte in questa pagina immettere mezzo litro di ammoniaca e una sardina ed avrete una potente trappola contro la mosca dell’olivo.

Trappola ecologica per la cattura di topi e ratti

Ecco questa variante moderna del mastello che troverai descritto piu’ avanti.

Dal costo di pochi centesimi ,il costo dell’esca in questo caso abbiamo usato 30 g di crema di cioccolata spalmabile della migliore qualità,questa trappola può essere efficacemente utilizzata in ambiente domestico in prossimità di piccoli allevamenti di galline,conigli,legnaie e ogni altro posto dove vi sia presenza di ratti e topi ma si voglia evitare di utilizzare esche rodenticida per il rischio di contaminazione e avvelenamento accidentale.Controllare la trappola giornalmente.

Soda contro la fumaggine

Sciogliere con molta cautela 200 gr di soda caustica in 100 litri d’acqua e con questa soluzione basica effettuare lavaggi a spruzzo sulle piante ammalate di funghi e fumagine in particolare.
Indossare tuta,guanti e occhiali di protezione.

Spray al pepe bianco contro i bruchi delle rose
Arge Pagana è il nome di questo piccolo bruco che attacca le rose.
Sverna in un bozzolo formato tra le foglie morte e non interrate.Per questo è importante rimuoverle il più possibile.Sfarfalla tra maggio e giugno.Contro questo bruco sono efficaci spray preparati con un macerato di 100 ml di acqua e 10 g di pepe bianco.Agitare bene e spruzzare sulle foglie ogni tanto.

Trappola all’aceto e zucchero contro i calabroni
Per i calabroni una trappola efficace a basso costo preparata con acqua,aceto al 10% e zucchero al 20%.Agitare bene e preparare la bottiglia o tagliando il collo e rovesciarlo a mò di imbuto dentro la bottiglia o praticandovi un foro abbastanza grande su un lato della parte superiore che consenta ai calabroni di entrare ma non di uscire.Appendere la bottiglia ad un ramo in giardino.
Da consigliare specialmente quando non si conosca l’origine del nido ma si presentano calabroni specialmente la sera d’estate attirati dalle luci delle lampade mentre siete a cena fuori,sotto una pergola,in giardino.




Trappola al miele contro i calabroni
Una altra trappola efficace contro i calabroni da provare se non si hanno a disposizione il sidro o l’aceto come già consigliato, consiste nel preparare una soluzione al 25 % di acqua e miele,ossia in un litro di acqua sciogliere 250 g di miele avendo cura di agitare bene.

 

Gusci di arselle e vongole contro le lumache
Si possono delimitare aree del proprio orto con strisce profonde almeno 30-40 cm di uno strato di gusci di vongole e arselle per impedire alle lumache e limacce di attaccare le piante.Funziona anche contro il proliferare delle erbacce senza “soffocare” il terreno in quanto ne favorisce la traspirazione.

Diserbante a base di acqua,sale e aceto
Metodo verificato
Occorrente:
4 litri di acqua calda
0,5 litri di aceto bianco di mele o di vino
1 kg di sale grosso

Stemperare il sale nella soluzione di acqua e aceto e spruzzare sulle erbacce in una giornata di tempo asciutto.L’efficacia aumenta quanto piu’ le piante sono in uno stato di siccità.

Antipulci e anti-zecche per cani e gatti
Preparare un decotto di acqua,rosmarino e foglie di pomodoro da aspergere sul pelo degli animali e nelle zone ove questi sostano.

Nastro argentato repellente contro i piccioni
E’ noto come i piccioni siano infastiditi dai riflessi di luce casuali per cui l’uso di nastri argentati trova una sua collocazione tra i metodi naturali non professionali per la dissuasione di questi animali.Vengono spesso usati a tale scopo le confezioni delle uova pasquali tagliate opportunamente in strisce del diametro di 7-8 centimetri ed appesi fuori dai balconi o sui terrazzi.

Trappola per insetti fatta con un piatto e colla
Riceviamo questa tecnica basata sul principio della attrazione cromatica,efficace sopratutto per le mosche (pannelli collanti cromotropici) ma anche altri insetti.Basta prendere un piatto di plastica e cospargerlo di vischio dopo averlo attaccato e fissato al ramo di un albero.

Una variante per limitare l’accesso di insetti sul tronco di un albero consiste nel formare anelli con nastri di carta cosparsi di vischio intorno al tronco e gli insetti vi rimarranno attaccati.

Propoli contro la mosca dell’olivo e delle ciliegie
Occorrente:
850 ml di alcool denaturato
300 g di propoli
1 g di lecitina di soia come emulsionante.
Macerazione:circa 20 giorni per poi filtrare con filtro di carta.
E’ possibile potenziare la soluzione con silicato di sodio al 1,5%
Nebulizzare sulla vegetazione.

Sapone di Marsiglia contro le formiche(verificato)
I detersivi in genere hanno un discreto potere abbattente contro gli insetti.Il sapone di marsiglia è inoltre un prodotto neutro meno aggressivo rispetto ad altri prodotti,per cui si consiglia in genere di usarlo per questi preparati.Ha un effetto immediato anche se non residuale per cui occorre spruzzare frequentemente la soluzione se si vuole debellare una colonia di formiche in processione.

Bacinella illuminata con acqua e sapone contro le pulci
(verificato)
In caso di infestazione da pulci provare a mettere bacinelle colme di acqua e sapone (meglio da piatti) nelle aree infestate,avendo cura di porre una fonte luminosa a ridosso della bacinella (esempio una abat-jour che però sia distaccata dalla bacinella per non venire a contatto con l’acqua).Trascorsa qualche ora dovreste trovare diverse pulci nell’acqua.
La bacinella per attrarre le pulci occorre che non sia troppo profonda.

Il martello antitarlo(non verificato)

Questa pratica ha un fondamento nel fatto che il tarlo dei travi per antonomasia, ossia il capricorno delle case,scava gallerie molto superficiali sotto uno spessore di pochi millimetri.Il forte rumore che produce è la causa della sua individuazione.Con un martello in gomma picchiettando sulla superficie del trave con un pò di fortuna il tarlo può essere disinfestato a costo zero.

Insetticida naturale contro larve,afidi,piccoli ditteri

Potete preparare una soluzione naturale ed ecologica da spruzzare sulle piante per allontanare larve,piccoli insetti,afidi ed altro utilizzando peperoni,acqua e un cucchiaio di sapone neutro liquido,il tutto così dosato:
-una tazza di peperoni a corno,lunghi circa 10-15 cm piccanti
-due tazze di acqua
-un cucchiaio di sapone neutro liquido
Preparazione: unite i peperoni e l’acqua e procedete alla frullatura fino ad ottenere una soluzione omogenea.
Filtrate con un setaccio e colate in uno spruzzino.
Aggiungete il sapone ed agitate delicatamente.
Spruzzate sulle piante,evitando di farlo nelle ore più calde della giornata.

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF.

disinfestation

Carbone in polvere contro le formiche
Il carbone ridotto in polvere è un efficace dissuasore contro le formiche,in particolare per le specie di più ridotte dimensioni.
Cospargerlo sui camminamenti,nelle fessure,intorno agli spigoli e le formiche lo eviteranno con cura cambiando direzione o zona nel migliore dei casi.

 

 

Aspartame contro le formiche

Da diverso tempo riceviamo consigli circa l´uso dell´aspartame come disinfestante per gli insetti striscianti e le formiche in particolare.Abbiamo atteso diverso tempo e preso informazioni circa la veridicità di questa notizia e abbiamo appurato come sul tema dell´aspartame ci sia una ricca bibliografia e vi siano state dedicate anche trasmissioni televisive.

Va usato spargendolo a granelli in prossimità dei percorsi utilizzati dalle formiche o direttamente sopra i nidi in giardino,in tempo qualche giorno le formiche spariscono (verificato)

Nido artificiale per ghiri (verificato)
Un metodo per la disinfestazione dei ghiri è portarli fuori dalle abitazioni mettendo dei nidi artificiali in prossimità della casa. Alcuni piccoli accorgimenti come l’altezza e l’orientamento del foro di ingresso verso il tronco al fine di difendersi dai predatori possono velocizzare la colonizzazione del nido artificiale. Distribuire abbondanti semi e granaglie,castagne e noci vicino al nido per invogliare ad avvicinarsi alle casette artificiali ed attendere il “cambio di residenza”.
Un filo di rame contro le limacce e le lumache (verificato)

E´scientificamente provato come le lumache e le limacce non riescano a passare sopra il rame metallico,avvertendo una sorta di scossa che le fa naturalmente indietreggiare,per cui un rimedio a costo molto basso sta nel circondare l’aiuola con le giovani piante di cavolo,zucchine,melone,pomodoro,insalata od altro con un filo di rame perimetrale,meglio se forma un doppio anello.Un problema potrà essere l’ossidazione del rame che ricopre il filo di una sorta di efflorescenza che fa diminuire l’effetto scossa per cui il filo andrà sostituito di tanto in tanto.





La cenere degli insetti come repellente in Biodinamica (non verificato)

Iniziamo oggi un nuovo capitolo di questa rubrica che riguarda la pratica dell´incenerimento in Biodinamica come metodo per allontanare insetti ed altre specie infestanti dai nostri orti e giardini in modo naturale.La Biodinamica prevede questa pratica che potrebbe apparire cruenta ma a cui l´agricoltore biodinamico ricorre solo in caso di gravi e gravissime infestazioni onde evitare lo spargimento di sostanze chimiche,viene fatta quindi in assoluta coscienza e nel rispetto dell´equilibrio naturale tra uomo ed ambiente. Ispirato dall’articolo di cui invito all’approfondimento per la ricetta dettagliata:

“La cenere dell´insetto di cui si vuole controllare l´eccessivo sviluppo viene fatta utilizzando legna,esempio di faggio ed utilizzando (immagino) una griglia metallica a maglia fine ci viene messo l´insetto che si vuole incenerire. Una volta ottenuta la cenere occorre procedere alla dinamizzazione della soluzione secondo le tecniche previste da questa pratica e terminata l´operazione si procede alla nebulizzazione sulle piante da proteggere.

Fumo contro le talpe (verificato)

Un ottimo rimedio contro le talpe nell’orto non letale è: scavare una buca profonda 20 cm e larga altrettanto in prossimità delle gallerie,meglio ad un incrocio di esse e fare un piccolo fuoco con legna secca che arda efficacemente e faccia molto fumo.Coprire con un vaso di terracotta e tramite il foro di drenaggio pompare aria per esempio usando un phon asciugacapelli.Ripetere l´operazione ad intervalli e nei giorni successivi fino a che le talpe non si sono allontanate.
Olio di neem come antipulci e antizecche per cani e gatti (verificato)

Alcune gocce sparse sul pelo dei nostri piccoli amici e diffuse con un massaggio delicato per aumentarne l´assorbimento sono un valido ed ecologico metodo per difenderli da questi fastidiosi parassiti.

 

Trappola per lumache alla crusca (verificato)

Il principio della trappola alla crusca e´lo stesso di quello che sfrutta la capacita´attrattiva della birra,di cui sono ghiotte le lumache ma in questo caso esse non rischiano di annegare dentro il liquido.Lo scopo e´quello di raccogliere le lumache all´interno del recipiente interrato a livello del terreno e che contiene in fondo la crusca e trasportare le lumache lontane qualche centinaio di metri dall´orto che usano frequentare.Possono essere raccolte in un recipiente dove accumulare le lumache per diversi giorni,dandogli qualche foglia di insalata e fare un viaggio unico una volta che si e´raggiunto un numero sufficiente.

Olio di neem antiacaro (non verificato)

Poche gocce di olio di neem diluite in acqua e nebulizzate finemente su tappeti,cuscini,divani sono un efficace metodo antiacaro naturale.Da provare.

Pane di neem fertilizzante antizanzare (verificato)

Il pane di neem è un sottoprodotto della lavorazione dei semi di neen da cui si estrae l’olio utilizzato per molteplici usi.
Usato come fertilizzante per i vasi dei fiori il percolato che ne deriva è un potente larvicida contro le zanzare per cui l’acqua può permanere nei sottovasi senza controindicazioni.

Spray all’aglio contro le cimici verdi (verificato)

In questo periodo stagionale è frequente trovare le cimici verdi all’interno di fessure e negli spazi tra finestre e persiane ove cercano rifugio dai primi abbassamenti delle temperature.
Innocue e senza conseguenze igienico-sanitarie le cimici hanno la caratteristica di emettere un tipico odore se disturbate o schiacciate.Preparate una lozione da spruzzare nebulizzando sui punti di passaggio e stazionamento il liquido ottenuto da 250 ml di acqua e 10-15 gr di aglio ridotto in crema finissima da diluire in modo da ottenere una soluzione omogenea.

Bicarbonato contro gli acari (verificato)
Spargendo il bicarbonato sulla moquette o sul tappeto, si ottiene una riduzione degli acari fino al 79% in 1 ora e del 100% in 2 ore.Passare l’aspirapolvere per eliminare il prodotto: gli eventuali cristalli rimasti saranno ancora attivi ed avranno effetto anche sulle uova.

Farina di mais per le formiche (verificato)
Una nuova ricetta contro le formiche che la fanno da padrone nel periodo primaverile-estivo.
Un nostro Cliente usa la farina gialla lungo i percorsi utilizzati dalle formiche e secondo
la sua testimonianza una volta che gli insetti l’hanno ingerita spariscono,forse perchè darebbe problemi di digestione od altro…e questo porta all’indebolimento della colonia.
Metodo naturale e a limitato costo…da provare.

Zucchero e bicarbonato per le formiche (verificato)
Alcune specie di formiche,specie quelle che prediligono una dieta zuccherina possono risentire di una miscela di zucchero e un pò di bicarbonato.Metodo naturale a basso costo…da provare.

Calciocianamide rimedio antitalpe (verificato)
Uno dei tanti rimedi contro le talpe nell’orto è la calciocianamide che è un fertilizzante azotato a lenta cessione che interrato nel terreno aiuta la disponibilita´dei microelementi ed ha una buona attività geosterilizzante e nematocida.Da molto tempo e´conosciuto l´effetto repellente nei confronti delle talpe probabilmente dovuto all´odore che disturberebbe il sensibilissimo naso delle talpe.
Occorre prestare attenzione ai tempi ed alle modalita´di distribuzione ed interramento in quanto le colture ne potrebbero risentire,si tratta infatti pur sempre di un fertilizzante.

Acqua calda per le formiche(verificato)
Sui nidi delle formiche a volte può bastare un pò d’acqua calda,anche non bollente al fine di scacciarle da dove hanno fatto il nido.
Se il nido è nel prato fare attenzione perchè l’acqua calda potrebbe danneggiare le radici delle piante o dell’erba, seccandola.




Dischetti di zolfo contro i nidi di calabroni(verificato)
In lucchesia e´in uso questa pratica di disinfestare i nidi dei calabroni dentro le canne fumarie bruciando nel caminetto dei dischetti di zolfo.L´anidride solforosa che si produce e´un potente gas letale per i calabroni che oltre ad essere abbattuti dalla SO2 risentono dell´effetto repellente di questa sostanza.E´una pratica “fai da te” molto utilizzata ma raccomandiamo tutte le precauzioni possibili in quanto l´anidride solforosa e´fortemente irritante anche per l´uomo,specie per i bambini e puo´causare irritazioni anche gravi specie in soggetti asmatici o con problemi respiratori.Dato che i calabroni cominciano a cadere dalla canna fumaria vi e´inoltre il pericolo che si introducano in casa parecchio arrabbiati causando il fuggi fuggi generale.

Cipolle in aceto per le mosche sui cavalli (non verificato)
Bollire 4 cipolle in un litro d’aceto per circa 30 minuti.Una volta raffreddato il decotto spruzzarlo con un nebulizzatore sul mantello del cavallo per lenire il fastidio provocato dalle mosche.

Erba gatta repellente per insetti
L’erba gatta tanto amata dai nostri felini contiene un principio attivo,il Nepetalactone che ha un effetto repellente sugli insetti.Con questa si può preparare anche un infuso da spruzzare lungo i battiscopa dove sovente si nascondono scarafaggi,pesciolini d’argento,formiche.

Noce moscata per gli insetti delle derrate(non verificato)
Mettere qualche noce moscata dentro la dispensa o nella madia della cucina aiuta a tenere lontani gli insetti,in particolare quelli attratti dalle derrate alimentari.

Gusci di uova per le lumache (non verificato)
Rompere dei gusci di uova in piccoli frammenti da distribuire sul terreno intorno alle piante attaccate dalle lumache.
Queste avanzando verso i teneri virgulti troveranno difficoltà a passare sopra le schegge dei gusci e torneranno indietro.

Rock’n roll antitarlo (non verificato)
Abbiamo ricevuto testimonianze dirette circa l’efficacia di molestare questi insetti xilofagi con le alte frequenze della musica moderna.
Sembra che i tarli non vogliano sentire rumori durante i loro pasti e si fermino fino a che non sentono silenzio.Ma se i rumori si protraggono il lungo digiuno li porterebbe alla morte, oppure è proprio questa musica che loro non sopportano?Da provare solo in caso di vicini molto pazienti o genitori abituati agli schiamazzi musicali dei figli.
Polvere di caffe´per le vespe e le api (non verificato)
Qualora le vespe o le api stiano girando intorno casa o nel giardino per trovare un punto per fare il nido si puo´ provare
a bruciare della polvere di caffe´appositamente messa in una ciotola.Il fumo denso e penetrante che si sviluppa sembra non sia gradito a queste bestiole che si daranno cosi´alla fuga cercando un´altro posto da colonizzare.

Sapone e bicarbonato per i funghi sulle piante (verificato e ad alta efficacia)
Contro alcuni tipi di funghi che attaccano le piante provare a spruzzare una soluzione di acqua e sapone oppure acqua e bicarbonato sulle foglie attaccate,avendo cura di sciacquare con acqua l’indomani mattina e vedere l’effetto antifungino dopo qualche giorno.**

Sapone per gli afidi(verificato e ad alta efficacia)

Sciogliere un pò di sapone di marsiglia in acqua in modo da ottenere una soluzione biancastra ma non troppo densa altrimenti non si riesce a spruzzare sulla pianta attaccata da questi animaletti.
La ricetta presenta alcune varianti,con aggiunta di peperoncino,aglio,tabacco,in dosi minori rispetto all’uso che se ne farebbe utilizzando solo ognuno di questi ingredienti,lasciati in infusione con il sapone in modo da accentuarne il potere aficida.

Sapone e alcol per Metcalfa (non verificato)

Allo stesso modo degli afidi, del sapone di Marsiglia sciolto in acqua con l’aggiunta di alcol denaturato è un buon rimedio per le piante attaccate dalla metcalfa. Come nella precedente la soluzione non dev’essere troppo densa o non può essere utilizzata in uno spruzzino.

Latte per proteggere le piante dai funghi(non verificato)
Usare una miscela al 10% di latte magro ed acqua da nebulizzare sulle piante per proteggere da tutti i parassiti e funghi le solanacee (pomodoro ecc.) le cucurbitacee (cetrioli ecc.)e i fagioli*.

 

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF cliccando sulla copertina

disinfestation

Barattolo per intrappolare i pesciolini d’argento (non verificato)

Il pesciolino d’argento in inglese Silver Fish (Lepisma Saccharina) è un insetto molto comune nelle soffitte e nelle cantine,specie se umide.Frequente negli ambienti con presenza di carta da parati,ottimo nutrimento oltrechè nascondiglio ideale.Si nutre quindi di carta in tutte le sue diverse derivazioni, compresi libri e fotografie, ed inoltre anche di tessuti sintetici e non.
Per fare la trappola rivestire di carta ruvida un barattolo di vetro,in modo che l’insetto possa arrampicarvisi ed inserite all’interno un pò di farina,carta e zucchero che attireranno il Silver Fish: una volta entrato nel barattolo vi rimarrà facendo indigestione delle “leccornie” presenti all’interno.

Tacchini,galline,oche e faraone per le vipere (verificato e ad alta efficacia)

Fin dall’antichità è nota la straordinaria capacità di questi volatili domestici per tenere ben pulite le aree intorno alle abitazioni da eventuali ospiti sgraditi.Il tacchino poi,sebbene ultimo arrivato in quanto proveniente dalle Americhe, e´uno straordinario cacciatore.Questi “Magnifici 4” nel loro razzolare continuo alla ricerca di cibo hanno tra le loro prede più ambite e prelibate anche le vipere, ed è questa un’opportunità che consigliamo di tenere presente per coloro che frequentemente notano la presenza di questi rettili intorno alla propria casa.

Cipolle per gli insetti volanti(non verificato)

Questa “tecnica” dovrebbe essere efficace in particolare contro gli insetti volanti che sarebbero sensibili a questo ortaggio dal caratteristico profumo.
Tagliare una cipolla a meta ed infilarvi sulla parte esterna alcuni chiodi di garofano.Da subito i caratteristici aromi si spanderanno nell’ambiente iniziando così la loro azione.
Dopo qualche giorno,specie in estate,la cipolla va sostituita mentre i chiodi di garofano durano un po’ di più.

Cenere di legna per le lumache(verificato)

Spesso le piante dell’orto,specie le più giovani vengono attaccate dalle lumache e dalle limacce.Nel breve volgere di una nottata possono addirittura radere al suolo 15-20 piante di pomodoro come è capitato a un mio vicino di casa.
Consigliamo di provare a cospargere intorno alle piantine che si intende proteggere un po’ di cenere prelevata dalla stufa o dal camino:la sua consistenza polverulenta rende difficile se non impossibile alle lumache e alle limacce avanzare verso il loro obiettivo, perché dovrebbero in sostanza consumare tutta la caratteristica bava che usano nel loro lento ma progressivo incedere.

Cenere di legna per i pidocchi sulle galline (non verificato)

Un altro utilizzo della cenere di legna è per il trattamento delle galline infestate da pidocchi, se non l’avete già, create un bagno di sabbia abbastanza grande e riempitelo di cenere di legna, potete anche manualmente farlo voi di sfregare la cenere sulla pelle delle galline, la cenere è un potente rimedio naturale che ucciderà i pidocchi. Il trattamento ha una durata di circa 4 settimane.
Ghiaccio per le tarme

Un tempo era uso stendere le coperte,i vestiti,gli indumenti in genere alcune nottate al rigido ghiaccio invernale in modo da “sterilizzare” il più possibile questi tessuti da alcuni parassiti che possono trovarvi rifugio o proliferazione, come per esempio acari,tarme dei tessuti ed altre specie (pidocchi,cimici ecc..).Oggi potrebbe essere usato anche il freezer avendo l’accortezza di sbattere vigorosamente gli indumenti prima di metterli dentro sacchetti sigillati da posizionare dentro il congelatore.Fare alcune prove specie per tessuti delicati,seta,raso ed altri.

 Rimedio naturale contro le mosche

In occasione di un sopralluogo presso un nostro Cliente dove eravamo andati per un problema di infestazione da piccioni notai questa semplice e funzionale trappolina contro le mosche.Dato che era piena di mosche ne chiesi la ricetta che qui ripropongo nella sua semplice formula.
Componete una trappola economica e funzionale come già descritta nei post sottoesposti utilizzando una bottiglia da 1,5 litri in PET tagliata a metà ed inseritevi dentro due-tre concentrati di brodo di carne avendo cura di scioglierli bene in circa 3 dl di acqua e lasciate macerare qualche giorno.Una volta che i processi fermentativi avranno cominciato il loro decorso comincerà anche l’effetto attrattivo verso le mosche e con le prime catture aumenterà ancora il suo potere attrattivo.Si consiglia di metterla al sole ed eventualmente reintegrare di tanto in tanto con un po’ d’acqua.

Trappola per calabroni al Sidro (verificato e ad alta efficacia)
Bofonchi,gialloni,ammazzacavalli,ammazzabricchi,il calabrone ha un nome diverso in ogni citta´d´Italia ma la pericolosita´ e´sempre la stessa:nel nostro paese e´considerato piu´pericoloso della vipera, se non fosse altro per la sua maggiore diffusione e minore timidezza rispetto al rettile.Qualora ne avvistiate diversi esemplari che svolazzano nel vostro giardino, ma non individuate il nido di origine cosi´da poter procedere ad una disinfestazione mirata, potete sempre farvi una trappola molto efficace utilizzando una bottiglia in PET preparata alla stessa maniera della trappola della mosca dell´olivo descritta sotto, ma inserendo al suo interno del sidro.

Scoperta credo per caso dalla figlia di un nostro Cliente che ci aveva chiamato per questo problema di calabroni ma non era stato possibile scovare il nido che probabilmente era nel bosco limitrofo al giardino ne consigliamo la prova proprio in questi casi come sopradescritto.Nel giro di qualche giorno la bottiglia sara´piena di calabroni e data l´alta attrattivita´si consiglia di porre la bottiglia a qualche metro di distanza da dove abitualmente state in giardino.

Trappola per la mosca dell´olivo alle acciughe (verificato)

Prendete una bottiglia da 1,5 litri in PET, tagliate la parte piu´vicina al tappo e rovesciatela dentro la restante parte della bottiglia.Praticate due piccoli forellini con un´ago arroventato in modo da passare uno spago alla sommita´e poter appendere la bottiglia ad un ramo.Versare un po´di acqua e quindi un po´di aceto con un pezzetto di carne o di pesce,esempio un´alice o una sardina,dopo poche ore di macerazione la soluzione comincera´ad attrarre le mosche.
Bacche di vischio per fare trappole (non verificato)

Il vischio è una pianta parassita che produce delle bacche bianche ripiene di un gel appiccicoso con il quale il nonno di un nostro conoscente prepara una sorta di colla naturale utilizzata per catturare piccoli animali infestanti le abitazioni.Facendo una breve ricerca abbiamo scoperto che veniva usata ma anche per cacciare piccoli uccelli ed integrare la dieta che un tempo era molto piu´povera di adesso (e cacciare era quindi una necessita´).Questa la ricetta: raccolte le bacche dai rametti del vischio le si facevano bollire in un pò d’acqua, a fuoco lento e mescolando di continuo per non fare attaccare il composto al fondo della pentola. Quando il preparato cominciava ad attaccarsi al mestolo la colla era pronta. La si toglieva dal fuoco e possibilmente si cercava di togliere quanti piu´semi possibile agevolando la loro fuoriuscita dalle bacche. Si conservava a lungo in un vasetto unto a dovere e riscaldandola se necessario al momento del bisogno.
Ricci per le vipere(verificato)

Abilissimi cacciatori di piccoli serpenti tra cui sopratutto vipere ma anche bisce ed altri rettili. Non si possono ne´comprare ne´allevare per cui si consiglia a coloro che avessere una gran quantita´ di rettili vicino alla propria abitazione di non allontanare i ricci nell´eventualita´ questi simpatici animaletti “pascolassero” nel proprio giardino.
Cocci di vetro impastati nel cemento per sigillare fessure (verificato)

Per sigillare punti critici dovuti a passaggi di tubi,porzioni di cavidotti o semplici fessure un tempo si usavano cocci di vetro impastati nel cemento per renderne impossibile la rosura da parte dei roditori.





Bottiglie scacciatalpe e grillotalpa (non verificato)

Per prevenire attacchi di grillotalpa e talpe negli orti alcuni vecchi contadini usano piantare in terra delle bottiglie, meglio il tipico fiasco toscano a pancia larga.L’effetto “zufolo” che producono la brezza ed il vento all’interno della bottiglia dovrebbe scacciare i grillotalpa.Diffuso sicuramente un tempo nel capannorese (Lucca).
Canfora per tenere lontane le tarme dei vestiti (verificato)
Per tenere lontane le farfalline, cospargere i vestiti con piccole scaglie di resina di canfora.

 

Pianta di ricino per mosche e zanzare (non verificato)

Provate a coltivare una pianta di ricino in giardino:terrà lontane mosche e zanzare.
Olio di Alloro repellente per mosche (non verificato)

Per tenere alla larga le mosche dalle pareti e dalle superfici di ambienti infestati spruzzare anche poche gocce di olio di alloro.
Ripetere l’operazione al bisogno.
Foglie di noce repellenti per la mosca domestica (non verificato)

Per evitare che le mosche infastidiscano cavalli e vacche. Bollire 3 manciate di foglie di noce 3 quarti (circa 3 litri e mezzo) di acqua, spruzzare i cavalli (prima di farli uscire) fra e sopra le orecchie, sul collo e sui fianchi. Trattare le vacche nello stesso modo.
Scaglie di legno quassio repellente per mosche (non verificato)

Prendere scagli di legno quassio e prepararvi un infuso per 5 o 6 minuti prendendo una parte di legno e 8 di acqua. Filtrare ed aggiungere 40 grammi di melassa di zucchero,spalmare su tavole di legno nelle aree esterne.

Cerini e fiammiferi per le blatte (non verificato)

Amalgamate acqua e farina in modo farne una crema e sbriciolatevi dentro alcune capocchie di fiammiferi.Spalmate il composto ottenuto su un paio di foglie di insalata.
Il fosforo contenuto dell’impasto avrebbe un potente effetto insetticida.

Disinfestare le uova di zanzara tigre (verificato)

La lotta larvicida contro le zanzare oltre che essere molto efficace e biologica risulta anche economica:mettete nell’acqua dei sottovasi un filo di rame, è un ottimo rimedio contro lo sviluppo delle larve di Aedes Albopictus (zanzara tigre).Alcuni prodotti in commercio sfruttano questa particolare proprietà del rame contro le larve di zanzara..

Rimedio per lenire le punture zanzara (non verificato)

Un rimedio naturale contro le punture di zanzare,insetti ed aracnidi in genere:
inumidite la parte di pelle irritata con un batuffolo di cotone imbevuto di aceto, di vino o di mele, dovrebbe aiutare a ridurre il fastidioso prurito.

Carbone per dissuadere i cani da scavare buche in giardino (verificato)

Cospargere alcune zone nascoste del giardino di pezzi di carbone,specie in punti già scavati dissuade i cani dal proseguire in questa azione,a volte veramente distruttiva per il prato:infatti l’apparato olfattivo dei cani composto da milioni di cellule dedicate a questo sviluppato senso fa si che il cane non gradisca l’odore del carbone.

Aglio per le zanzare (non verificato)
Sembra che a seguito di abbondanti scorpacciate a base di aglio la pelle emani un pungente odore che dissuade le zanzare dall’avvicinarsi.Naturale ed economico rappresenta un´altra miracolosa proprieta´ di questa pianta dalle mille virtu´essendo vermifuga,riequilibratore della pressione sanguigna,cardiotonico e come si dice in Toscana “…rimedia allo spiraglio e rafforza il battaglio”.

Bottiglie d’acqua per i gatti (non verificato)

E’ stato in uso per diversi anni porre al difuori delle porte o lungo i vialetti delle bottiglie di plastica trasparente piene d’acqua al fine di dissuadere gli animali domestici come gatti e cani dall’orinare nel punto che si voleva proteggere.Questa usanza è ancora in uso specialmente in Versilia (Lucca)

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF.

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF cliccando sulla copertina

disinfestation

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Limone con chiodi di garofano per le mosche (verificato)

La calotta di un limone ben strizzato può essere efficacemente utilizzata come repellente antimosche inserendovi all’interno qualche chiodo di garofano .Il tutto và posizionato in diversi punti dell’ambiente interessato e sostituire il limone dopo qualche giorno quando tende ad avvizzire.

Pungitopo (verificato)

Si usava fasciare i salumi che stagionavano in cantina con frasche di pungitopo per impedire ai roditori di attaccare gli insaccati.

Gatto (verificato e ad alta efficacia)

Gli antichi egizi per onorare l’abilità del gatto nella caccia dei topi lo innalzarono a vera e propria divinità.

Infiniti gli aneddoti su come l’uomo nel tempo abbia utilizzato questi eccezionali cacciatori di topi.

Borotalco (Verificato)

Quando sentimmo il racconto di un cliente che aveva visto preparare una miscela di borotalco e zucchero finissimo per scacciare gli insetti ci venne in mente come l’acido borico sia stato utilizzato fino a pochi anni fa come potente insetticida contro le blatte (Rovos esca).

Miscelare in parti uguali 5 cucchiai di zucchero finissimo polverizzato e borotalco puro.Spargere la miscela nei punti di passaggio di formiche e insetti come blatte e pesciolini d’argento, avendo cura di proteggere la polvere da cani gatti e bambini.

Oggi soppiantato da molecole raffinatissime che l’industria impiega anni di ricerca a sfornare, l’acido borico può essere sicuramente annoverato tra i decani del “museo della disinfestazione”

Aspersorio di acqua benedetta (non verificato)

Si narra che alcuni preti di campagna oltre a fare esorcismi fossero in grado di allontanare insetti ed altri infestanti dalle case con l’ausilio di acqua benedetta e preghiere sussurrate sottovoce.




Latte (verificato e ad alta efficacia)

I rettili in generale ed i serpenti in particolare sono ghiotti di latte.Sfruttando questa particolare debolezza venivano approntati abbeveratoi colmi di latte per attrarre e catturare questi rettili .Se il punto d attrazione era anche infestato da topi si riusciva a prendere i classici “due piccioni con una fava” poiché i topi alla vista di un serpente cambiano aria.

Birra (verificato e ad alta efficacia)

La birra è una vera e propria calamita per le lumache  e le limacce che ne sono ghiotte.Come con il latte per i serpenti anche con la birra venivano approntate delle trappole ecologiche ed efficaci.

Aglio contro gli afidi delle rose (verificato e ad alta efficacia)

Alla base delle piante attaccate pesantemente dagli afidi, specie per esempio le rose attaccate dagli afidi verdi,possiamo consigliare di piantare un paio di spicchi d’aglio: i loro essudati radicali verranno assorbiti dalle radici della pianta vicina, che a sua volta gli traslocherà alle foglie rendendole molto repellenti per gli afidi.

 Tabacco e sigarette (verificato e ad alta efficacia)

Sempre contro gli afidi lasciare  una bottiglia mezza piena d’acqua con un pò di tabacco in infusione qualche giorno. La nicotina in esso contenuta è un potente insetticida (i nicotinoidi di sintesi chimica se usati indiscriminatamente sono responsabili della moria di interi sciami di api).

Una volta filtrato il tutto si può spruzzare questa soluzione biologica sulle foglie attaccate dagli afidi.

Farina di Castagne e gesso (verificato)

La farina di castagne è stata per molti secoli un alimento sempre presente nelle famiglie che hanno dovuto lottare non poco per difenderlo dall’attacco dei topi.Qualche nostro antenato però ebbe la brillante idea di mischiarlo con polvere di gesso in modo da creare una miscela letale.Molto utilizzato ancora oggi specialmente nelle zone montane della lucchesia,in Garfagnana,in Valfegana e nei paesini delle Apuane.
Peperoncino (non verificato)

Un altra sorpresa per i nostri piccoli roditori: il peperoncino veniva utilizzato per preparare bocconcini molto gustosi all’esterno  ma  con una “bollente sorpresa” al loro interno (in perfetto stile Fantozzi per intenderci).Alcuni racconti estendono l’uso del peperoncino, che  attraverso vari stratagemmi veniva ridotto in crema e messo a contatto  diretto delle parti senza peli del ratto o del topo (es.occhi).

Come accennato con il tabacco anche con il peperoncino può essere preparato un macerato che opportunamente filtrato può essere asperso sulle foglie delle piante attaccate dagli afidi.
Faina,donnola,furetto (non verificato)

Avete una soffitta infestata dai piccioni? Se riusciste ad introdurvi una faina o una donnola (ancora meglio se digiuna) pare che l’effetto dissuasore contro i piccioni superi di gran lunga quello che potrebbe svolgere il miglior disinfestatore.

  Foglie di pomodoro (non verificato)

Le foglie della pianta di pomodoro sembra abbiano un potere repellente contro alcune specie di insetti striscianti che non gradiscono il loro caratteristico odore pungente.Analogo potere altre piante della famiglia delle solanacee,nepitella,basilico.

 Pianta di  Eucalipto (efficacia testata)

La pianta di questo meraviglioso albero dalle mille virtù ha un concreto potere repellente contro le zanzare.Avere lo spazio nel proprio giardino per creare una barriera composta da piante di eucalipto è un buon deterrente contro l’intrusione di zanzare.Analogo effetto hanno altre specie “balsamiche” come la menta,gli agrumi,la citronella,il basilico ecc.

Mastello d’acqua (verificato)

Vita dura sempre per i topi e i ratti: il mastello veniva riempito d’acqua e una tavoletta di legno veniva poggiata sull’orlo con un pò di esca al centro;quando il roditore superava il fulcro della passerella, la tavoletta si capovolgeva e il roditore finiva in acqua.
Trappola a scatto

Trappola per topi: è sempre attuale,non invecchia mai.
Naftalina (efficacia testata)

Naftalina contro le tarme dei tessuti.Ha anche un debole effetto repellente contro altre specie animali, specie cani e gatti che a volte si abituano ad orinare lungo i marciapiedi.
E’ noto inoltre l’effetto repellente contro i rettili.(Nota della redazione:la naftalina ha subito notevoli limitazioni commerciali a livello europeo)
Paletta scacciamosche

Paletta scacciamosche: sempre attuale anche questo attrezzo non rivela sintomi di vecchiaia.
Urina di vacca

L’orina di vacca veniva usato come insetticida per sterminare nidi di vespe e calabroni.Con il progressivo abbandono delle campagne questo metodo è andato via via scomparendo.

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF.

“C’era una volta….le antiche ricette per disinfestare naturalmente:scarica la pubblicazione in formato PDF cliccando sulla copertina

disinfestation

Vanga

Un  apicoltore ci ha raccontato che suo nonno usava battere sulla vanga per richiamare alle arnie le famiglie di api che si erano allontanate sciamando all’improvviso.Come spesso accade in primavera dalle arnie la famiglia di api si divide in due sciami,uno dei quali và in cerca di una nuova dimora, finendo spesse volte sui rami degli alberi,all’interno delle persiane delle finestre,nei sottotetti: l’apicoltore con questo metodo riusciva a richiamare le api proprio come un “pifferaio magico”.
Sale marino antiformiche

Il sale è usato ancora oggi per l’effetto repellente che talora può avere contro alcune specie di insetti,sopratutto striscianti.Può arrivare a far deviare loro il percorso e nella migliore delle ipotesi a scacciarli definitivamente.

 Spaventapasseri

Fin dalla notte dei tempi il coltivatore ha cercato di proteggere le colture dall’attacco dei volatili usando questi fantocci appositamente agghindati per farli sembrare più verosimili possibile alla figura dell’uomo.Ad oggi ne esistono di tante tipologie,anche meccanici e rientrano nei repellenti visivi molto utilizzati contro i volatili.

* contributo ricevuto dal Sig.Renato
**  contributo ricevuto dalla Sig.ra Maria

*** Contributo della Sig.ra Alice

Qualora l’utente del sito desideri essere rimosso dalla citazione del contributo scriva una mail all’indirizzo:info@romanidisinfestazioni.com ove specifichi tale richiesta.

98 thoughts on “Disinfestazione naturale”

  1. Per la mosca dell’olivo sembra che non occorra mettere la sardina, perché basta la miscela di acqua e aceto (che crea un odore simile alle proteine in putrefazione) ad attrarle. Non occorre rovesciare il collo per non farle uscire,perché annegano nella soluzione. L’unico problema è che ci restano dentro molti insetti e ogni tanto bisogna vuotarle e rifare la soluzione.
    Vorrei anche divulgare un consiglio che si trova su un sito di agricoltura australiano, che non ho ancora verificato, di usare una miscela al 10% di latte magro ed acqua per proteggere da tutti i parassiti e funghi le solanacee (pomodoro ecc.) le cucurbitacee (cetrioli ecc.)e i fagioli

  2. Sono pensionato e coltivatore dilettante,sono entusiasta per aver scoperto i vari rimedi antichi per la coltivazione,la lotta è stata dura,ma oggi non è da meno.Vorrei approfondire la lotta biologica.Sensa veleni,chiedo aiuto?Suggeritemi,qualche libro o ricette o esche,contro la mosca dell’olivo per eliminare il solito DDT(rogor).Grazi-saluti-Alvaro

  3. Gentile Sig.Alvaro,
    grazie dell’attenzione che ci ha rivolto.
    In merito alla mosca dell’olivo per quanto di nostra conoscenza possono essere usate le trappole che trova in questa pagina dedicata ai metodi antichi.Il lettore Renato suggerisce che non occorre mettere la sardina nella trappolina ma basterebbe acqua e aceto.Provi e ci sappia dire, altri metodi non li conosciamo perchè fanno sempre riferimento alla lotta chimica.
    Cordiali Saluti
    Rosi Norman
    Romani Disinfestazioni Srl

  4. per sconfiggere alcuni funghi spruzzavo la sera acqua e sapone dei piatti la pianta e lla mattina la lavavo
    ben bene con la cannola. questi lavaggi li alternavo anche a spuzzate di acqua e bicarbonato.

  5. Gentile Fabio,tentar non nuoce,visto che il costo dei nastri argentati è abbastanza contenuto.
    Per quanto riguarda i piccioni effettivamente non saprei consigliare metodi alternativi egualmente efficaci rispetto alla dissuasione meccanica in quanto sono specie animali molto cocciute.
    Specie verso i dissuasori visivi,non verso quelli sonori (es.cannoncini nei campi agricoli ma che in contesto urbano sono improponibili).Alcuni gel che rendono le superfici sdrucciolevoli sono altri metodi “fai da te” ma occorre girare parecchio ed avere fortuna nel trovare il prodotto giusto.
    Saluti ed in bocca al lupo nella ricerca
    Norman Rosi
    Romani Disinfestazioni Srl

  6. l mastello d’acqua per i topi funziona. basta anche un fusto abbastanza alto (quello dell’olio per auto, per esempio)

  7. Salve a tutti.
    Ieri ho debellato un piccolo nido (una dozzina di esemplari) di calabroni usando un metodo da non imitare. Li ho aspirati con un trituratore per fogliame… Il problema è che i superstiti gironzolano sempre vicino all’oramai ex nido, che è sul terrazzo sotto la falda del tetto. Se piazzo una bottiglia con il sidro rischio per caso di attirarne altri? Per ora ho spruzzato a malincuore un repellente spray ma era l’unica cosa che ho trovato in casa.

  8. io ho saputo che per allontanare i piccioni esi
    stono dei finti animali che producono il loro verso e di cui i piccioni hanno paura,
    si trovano in vendita a bollate in una ferramenta

  9. Buongiorno.articolo estremamente interessante,magari potete darmi un consiglio. volevo sapere quale metodo posso usare all’interno degli armadi dove ripongo i vestiti per evitare che vengano infestati dalle cimici del letto. grazie per l’attenzione

  10. Salve,
    purtroppo per prevenire infestazioni delle cimici dei letti non ci sono metodi sicuramente validi,meno che meno pagliativi o l’uso di repellenti naturali:le cimici sono estremamente resistenti persino ai piretroidi e solo l’occhio di un tecnico ben allenato può eseguire un efficace monitoraggio,circa la presenza delle “bed bugs” le quali,lo ricordo,sono perlopiù diffuse intorno al letto,nelle reti,nei materassi,nelle testate del letto,comodini e placche elettriche.Cordiali saluti.Rosi Norman per Romani Disinfestazioni Srl

  11. salve ho un grosso problema con le talpe aiutatemi,ho provato con repellenti con l’acqua con le bottiglie con ultrasuoni non c’è la faccioooooooooooooo aiutoooooooo!!!!!

  12. Salve Giovanni,la Sua domanda ci ha dato l´occasione di inserire anche il rimedio antitalpe piu´utilizzato e che consiste nella distribuzione della calciocianamide,un fertilizzante azotato a lenta cessione e che fra le proprieta´indica proprio l´effetto repellente contro nematodi ed altri parassiti del terreno,il tutto sempre con i dovuti accorgimenti perche´i fertilizzanti in dosi eccessive possono creare problemi alle colture.Legga il nostro post nella sezione dei rimedi naturali.Grazie e buon lavoro

  13. Sono veramente contenta di trovare tante indicazioni alternative alle lotte che avvelenano il nostro bellissimo mondo. Da parte mia ho sempre applicato i metodi che vedevo realizzare dai miei nonni e non me ne sono mai pentita, anzi spero che sempre più persone diventino consapevoli dell’importanza di rispettare noi stessi rispettando l’ambiente in cui viviamo. GRAZIE DI CUORE

  14. Gentile Sig.ra Rosaria,grazie dei Suoi incoraggiamenti,che ci spronano a continuare nella ricerca di quei metodi alternativi per dissuadere gli animali dal non approfittare troppo dei nostri orti e delle case in cui abitiamo.Qualora non avesse trovato citati dei metodi di Sua conoscenza ce li segnali in modo da arricchire sempre più questa rubrica,grazie.Rosi Norman

  15. Per combattere la voracità delle locuste io spruzzo del macerato di aglio sulle verdure e devo dire che funziona benissimo così come funziona molto bene attaccare deglio spicchi di aglio alle rose per allontanare le forbicette. Per combattere le vespe che cercano un posto per nidificare passo del gasolio, con l’aiuto di un pennello,nei luoghi dove la loro presenza è indesiderta, anche se cerco di lasciare comunque uno spazio per loro visto che mi aiutano nella lotta contro le cocciniglie. Buona Terra Sana a tutti.

  16. Ho un grosso problema con le zecche che infestano un terreno dove abbiamo impiantato una quarantina di orti sinergici e quindi biologici.
    Naturalmente non possiamo usare nulla di chimico, ma la presenza delle zecche è oltremodo inquietante.
    Chi potrebbe darmi qualche consiglio.
    L’appezzamento di terreno è di circa 10.000 mq.

  17. Gentile Sig.ra Alessandra,
    per quanto riguarda la disinfestazione delle zecche questa non è possibile effettuarla con efficacia senza l’uso di prodotti chimici antiparassitari.Eventualmente può delimitare alcune zone utilizzando la tecnica del pirodiserbo,ossia l’uso di una fiamma che elimini erbacce e anche piccoli parassiti.PS questa tecnica va usata con molta cautela e con attrezzature apposite, non “fai da te”, conformi agli standard richiesti, onde evitare danni diretti ed indiretti alle persone e alle cose.Và inoltre usata con rapidità onde evitare eccessiva sofferenza alle specie biologiche.

  18. ciao a utti, ho un problema con le limacee, vivo poco in una casetta di 30 mtq circa, e ne trovo spesso che camminano vicino la finestra sopra al vetro e sotto, ne trovo sulle 3- 5 circa, le prendo e lke butto nella tazza poi tiro lo scarico, vedendo che continuavano a venire, ho messo il veleno e montato una zanzariera che è stata cementata, e per un po di giorni non ne ho piu viste, passate due settimane oggi ne trovo una che camminava vicino al water, mi viene in mente… potrebbero venire dai buchi di scarico dell acqua della doccia o del lavandino del bagno?….. aiutatemi per favore.. mi provocano disagio a volte ho fastidio pure a stare in casa

  19. Gentile Sig.Leonardo,
    per quanto riguarda le limacce può provare con i nostri consigli sui rimedi naturali da dare all’esterno della casa,oppure in alternativa usare un prodotto lumachicida apposito come si trovano in commercio,da usare con le dovute cautele.Per quanto riguarda l’intrusione all’interno degli scarichi questa è possibile ma significa che gli scarichi non sono sifonati,occorre quindi procedere a rendere la struttura più sigillata possibile contro le intrusioni.Saluti.Rosi Norman

  20. effettivamente il sifone non c’e’ . si tratta di un abitazione abbastanza fatiscente, lo dico perche non ho visto nessuna placca metallica del sifone sul pavimento del bagno…. se cosi fosse posso mandare il veleno nei scarichi della doccia lavandino ecc? poi potrei risolvere il problema sempr se cosi fosse mettendo i tappi quelli neri a pressione?

  21. Buongiorno Sig.Leonardo,in merito all’uso di veleni da buttare negli scarichi questo non possiamo consigliarlo a maggior ragione se l’impianto idraulico è vecchio.Bene invece per l’uso di tappi od altri sistemi per sigillare e rendere inaccessibile l’ambiente interno.Cordiali saluti

  22. Vorrei utilizzare il metodo della bottiglia con zucchero per debellare i calabroni dal mio giardino, ma non vorrei catturare api, vespe e tutto il resto. Come posso fare?

  23. Salve Rosa,per cercare di attrarre solo i calabroni provi a mettere un pò di aceto nella soluzione,aumenterà l’attrazione dei calabroni ed in genere dissuade le api e le vespe da cadere dentro la bottiglia.Saluti.Rosi Norman

  24. Interessanti e utili consigli! Grazie di averli pubblicati. Io da un paio di giorni ho tutti i vasi di piante grasse sul terrazzo invasi dalla vespa germanica. C’è un modo naturale per allontanarle/eliminarle senza rovinare le piante? Se continuano così dovrò barricarmi in casa con i bambini! E poi temo per la salute delle mie piante, ci sono troppo affezionata. Grazie e buona serata.

  25. Salve Viviana e grazie dei complimenti.non saprei il motivo per cui le vespe girano intorno alle sue piante,e non saprei dare consigli su eventuali prodotti repellenti per tenerle lontane,forse sono in fioritura e il profumo le attira,mi spiace di non poterle essere d’aiuto.PS verifichi che non vi sia un nido nelle vicinanze cercando di seguire il percorso delle vespe e da che direzione vengono.Saluti Norman Rosi

  26. Grazie di aver letto e risposto…. il guaio è che purtroppo i nidi li hanno fatto dentro i vasi! Sono vespe di terra 🙁 E’ vero comunque che sono in fioritura.

  27. Vi mando un consiglio provato in anni di attività! Un bicchiere di vino bianco o nero fa lo stesso in ogni
    litro di acqua che usate per annaffiare per sei mesi poi meta dose per mantenimento, vedrete il vostro ficus beniamina ringiovanire e perdere meno foglie di come fa di solito

  28. Buonasera Viviana,allora visto che hanno fatto il nido nei vasi Le consiglierei una disinfestazione,possibilmente chiamando un professionista data la pericolosità di questi insetti imenotteri su cui in genere non caldeggiamo il “fai da te”.Grazie.Rosi Norman per Romani Disinfestazioni Srl

  29. Come posso utilizzare canfora e naftalina per tenere lontano i rettili che ho già visto nel mio giardino? C’è qualche preparato anche alternativo da fare in casa?

  30. Gentile Sig.ra Laura,
    i prodotti a base di naftalina e canfora non si trovano più in commercio per cui oggi i repellenti per rettili sono a base di zolfo in polvere come componente principale da spargere nei luoghi da proteggere.Grazie.Rosi Norman

  31. Grazie dei complimenti Marcello,se ha qualche suggerimento saremo lieti di arricchire la pagina anche con il Suo contributo.Norman

  32. Interessantissimo questo blog. Bravi!
    Vorrei approfittare per sapere come posso mndare via in modo naturale, quindi ecco l’utilità grandissima dei vostri rimedi, la cimice nezara viridula, dalle mie 8 piantine di pomodori!
    Le hanno tutte bucate, foglie ed alcuni frutti.
    Che peccato!

  33. Grazie dei complimenti innanzitutto.purtroppo non abbiamo esperienza diretta di questo infestante,puo´provare uno dei metodi descritti per allontanare gli insetti in modo naturale,ve ne sono diversi tra cui scegliere e puo´usarli anche tutti in successione.Saluti.Rosi Norman

  34. Vi amo: siete fantastici!!!!!!!!
    Ho delle formiche o tarli che infestano le travi della mia camera da letto: proverò sicuramente con la musica e poi vi aggiorno!!!
    Articolo strepitoso!!!
    Chiara

  35. Salve..mi sono ritrovaro le pulci in casa sono pieno di mcchie rosse ke prudono tantissimo..come posso faes x eliminare queste bestiacce?

  36. Salve,per le pulci occorre fare una disinfestazione.Dovendo usare prodotti insetticidi occorre indossare maschera,tuta,guanti per cui nella maggioranza dei casi si consiglia di consultare un disinfestatore.

  37. Interessato dai rimedi vorrei dirne uno anch’io, per mosche e piccoli insetti volanti, prendere un piatto di plastica di colore giallo (anche usato, così si recicla) lo si cosparge di vischio o sostanze appiccicose e poi lo si lega al tronco (se necessita si può forare il piatto), il colore intenso attira gli insetti che rimangono appiccicati al piatto. Va cambiato quando pieno di insetti. Purtroppo può catturare anche insetti utili come api e coccinelle, ma di sicuro tante tante mosche.

  38. Complimenti per l’articolo, davvero interessante soprattutto il metodo dell’aspersorio!
    Collaboro volentieri per quello che conosco, lavorando con le lane e avendo cani da una vita.
    Tarme: un sacchetto di cotone o lino con dentro del bicarbonato di sodio oppure una miscela (in ordine di quantità maggiori) di lavanda, chiodi di garofano e bucce secche di agrumi.
    Confermo il freezer: lasciare il freezer per una notte e poi mettere in sacchetti sottovuoto mi evita di vivere con questi insettini voraci.
    Antipulci e anti zecche per cani: lavare il cane con sapone di marsiglia (utile anche in caso di eritemi o dermatiti perchè irrita meno di qualsiasi shampo veterinario); lavare il cane con una tisana bollita a lungo di acqua e rosmarino, usarla anche per aspergere cucce o pavimenti; lavare cpn acqua e bicarbonato ma attenzione perchè è nocivo se ingerito dall’animale.
    Un botanico biologico mi consigliò tisana macerata di acqua e aglio contro ogni forma di insetto infestante per le piante, una vecchia signora acqua con sigarette e mozziconi lasciati a macerare (tossico su piante con frutti da mangiare, evitare o aspettare 20 gg prima di staccare il frutto).
    Userò alcuni dei vostri consigli, grazie e ancora complimenti.

  39. Oh, dimenticavo… Una sagoma a grandezza naturale di un gufo, o un gufo finto caccia i piccioni. Lo diceva un contadino, l’ho ritrovato sul libro di un biologo e l’ho provato (peccato che il gufo di legno nel tempo si è rovinato stando all’aperto).
    Ancora complimenti, se mi servirà una disinfestazione ora so a chi chiederla visto che non posso toccare la ciflutrina per motivi medici.

  40. Grazie davvero per i suoi preziosi consigli che provvederemo ad aggiornare nei prossimi giorni.Auspichiamo da sempre l’adozione di metodi naturali per ricorrere alla disinfestazione solo in casi non risolvibili in altro modo,questo è il nostro impegno per l’ambiente,grazie ancora e arisentirci per nuove ricette.Rosi Norman

  41. Buongiorno, io ho problemi con i topi. Vivo in campagna e mi sono trovato alcune pentole sporche di urina e feci di topo. Come posso disinfettarli perfettamente?
    Grazie per i consigli.

  42. Gentile Sig.ra,non possiamo dare consulti online per questioni che potrebbero avere risvolti di carattere sanitario essendo l’urina dei roditori portatrice di malattie potenzialmente molto pericolose,per cui il nostro consiglio è di risolvere innanzitutto il problema dei roditori e di non utilizzare il materiale infettato,anche perchè per rendere sterile un oggetto andrebbe messo in autoclave a 120°C condizioni non raggiungibile in ambiente domestico.Grazie comunque per la Sua gentile richiesta.Romani Disinfestazioni Srl

  43. Buonasera,
    scrivo a voi per qualche consiglio in questo blog molto interessante, ho un continuo problema con il mio garage infestato da ragni, insetti striscianti e scarafaggi. Nonostate lo abbia ripulito completamente e ritinteggiato e spruzzato vari prodotti, ogni giorno che lo apro trovo sempre qualche ospite indesiderato, l’altra sera addirittura un piccolo scorpione, non so più che fare che mi consiglia fare? il problema è che accanto al garage c’è un prato incolto attiguo ad una ferrovia da cui penso arrivino tutti sti insetti.
    Ringrazio in anticipo

  44. Salve Paolo,in merito alla Sua domanda mi verrebbe da pensare che il garage non sia perfettamente sigillato:provi ad apporre bande antintrusione al portone come prima misura.Secondariamente potrebbe distribuire dei prodotti repellenti nell’area esterna per prevenire le intrusioni,anche se trattandosi di aree esterne e sottoposte ad intemperie non saprei indicarLe prodotti naturali da usare come “fai da te”,la miglior cosa sarebbe distribuire prodotti insetticidi con effetto repellente (tipo piretro) ma sono prodotti ad uso professionale in quanto biocidi,per cui in questo caso si rivolga ad un professionista.Cordiali saluti

  45. Si tt il blog va benissimo….ma x le locuste? Ora e il maledetto periodo…come faccio x allontanarle almeno….aiutooo.

  46. Per le locuste in particolare non mi vengono in mente prodotti specifici.Ipotizzando che si rintanino nelle fessure,dentro le persiane e l’interno delle finestre al pari di come fanno all’inizio dell’inverno le cimici verdi potrebbe spruzzare qualche prodotto repellente la cui ricetta la puo’ trovare’ nel blog e vedere se ne stanno piu’ lontane.

  47. Ciao ottimi consigli. Volevo chiedervi se ci sono rimedi per debellare pidocchi bianchi ho una pianta davanti casa che all inizio estate si riempie di questi animaletti bianchi e collosi
    Grazie

  48. Gentile Sig.Daniele,credo si riferisca alla Metcalfa pruinosa,un insetto giunto circa 20 anni fà e che si riconosce per la produzione di lanuggine bianca appiccicosa.Erano in voga lavaggi delle piante con idropulitrice perchè sicuramente è disturbata dai getti d’acqua a pressione ma sono efficaci anche lavaggi con acqua e sapone di marsiglia che può trovare anche per altre ricette naturali utilizzate per proteggere le piante.Grazie e cordiali saluti.Rosi Norman

  49. Gentile Sig.ra Manuela,
    per la processionaria non saprei indicarLe al momento un metodo efficace oltre alla rimozione fisica del nido da parte di ditta specializzata,trattandosi infatti di un tipo di infestante molto dannoso e la cui gestione non accorta potrebbe avere conseguenze molto negative data la nota pericolosità della processionarie per gli effetti di necrosi sulle mucose e sulla pelle.Le consiglio di rivolgersi ad un disinfestatore che tratta questo tipo di infestante.Cordiali saluti.Rosi Norman

  50. Interessante questo articolo… cercavo un rimedio per il mio problema con le zanzare: la nuova casa presa 6mesi fa è circondata da un terrazzo a L sovrastata da un alto muro da cui scorrono anche col bel tempo rivolini di acqua…ci sono vasche di terriccio a formare un secondo muretto e nell’angolo una zona semichiusa dove le zanzare fanno uova a go go…non essendo accessibile se non che per infilarci un braccio sto provando a mettere in una bottiglia (col collo tagliato e rovesciato a imbuto) 200ml acqua, 4cucchiai di zucchero e una bustina di lievito secco che crea una soluzione che le attira e dovrebbero restarvi imprigionate…esperimento fatto ieri e di cui tornerò ad aggiornarvi sull’esito effettivo.Comunque al momento abbiamo ben sei grossi nugoli di zanzare baby in vari punti lungo tutto il terrazzo, quindi mi chiedo cosa potrei versare di naturale nel canale di scolo che ammazzi le uova e magari le piccole zanzare che di notte si rifugiano la sotto???Non posso versare nulla di chimico perchè poi subendo punture noi stessi richieremmo infezioni. Grazie per tutti gli utili consigli che avete elencato… e vi confermo che il macerato con aglio la scorsa estate ha funzionato alla grande sulle mie piante grasse attaccate dai ragnetti.Me l’aveva suggerito un’anziana signora del quartiere.

  51. Gentile Stefania,
    grazie del suo intervento.Per le larve di zanzara,solo nel caso si tratti di zanzara tigre può usare con molta efficacia il rame metallico,per esempio il rame dei fili elettrici opportunamente puliti dalla guaina di plastica ed immergere il rame nell’acqua:le larve non prolifereranno.Puo’ usare anche prodotti a base di neem,forse in qualche agraria attrezzata gli puo’ trovare.Interessante la soluzione con lievito,effettivamente fermentando produce CO2 e potrebbe simulare il respiro di un essere umano attraendo le zanzare con questo stratagemma.Saluti.Rosi Norman

  52. Grazie Norman per la risposta e il suggerimento.Per fortuna queste che ho non sono zanzare tigre. Dopo qualche settimana di prova con le bottiglie posso dire che funzionano, ne vedo abbastanza dentro ma qui ne ho troppe e dovrei mettere almeno 100bottiglie per risolvere un po’…poi vanno messe in punti bui e riparati dalla pioggia.Spero sia utile a qualcuno che leggerà. Buone cose a lei e tutti.

  53. Benissimo Stefania,consigliamo questo metodo che proveremo anche noi con l’avvento della stagione primaverile-estiva.Grazie di nuovo e al prossimo rimedio naturale.Norman Rosi.Romani Disinfestazioni Srl

  54. Con la birra nelle bottiglie appese riuscirete a debellare contemporaneamente ed in modo altamente efficace sia calabroni e vespe che lepidotteri in genere (es. Carpocapsa, Cossus Cossus, Zeuzera Pyrina, ecc), nonchè mosche, mosconi, moscerini, tafani e lumache. Le api non ci vanno mai. Bisogna mettere una bottiglia rovesciata almeno ogni 200mq da Aprile a Ottobre compresi.
    Io sono contentissimo ora devo solo trovare un rimedio efficace contro le zecche, perchè quest’anno sono già tantissime. Qualcuno ha sperimentato qualcosa con alta efficacia?

  55. Buongiorno Simone,grazie dei preziosi contributi,sapevamo infatti delle trappole alla birra per le lumache e le chiocciole ma non della sua efficacia anche contro gli insetti volanti.Per le zecche non ho esperienze specifiche o per sentito dire da esperienze di altri.Le zecche inoltre sono acari ematofagi potenzialmente portatori di malattie per cui se un rimedio è da consigliare dovrebbe avere anche un minimo di efficacia onde evitare effetti indesiderati su una mancata risoluzione di un problema di quel genere.

  56. Rimedi efficaci contro le zanzare tigre in giardino:
    1)fate macerare un po di spicchi di aglio in acqua dentro a uno spruzzino per un giorno al sole. La sera spruzzatelo in giardino, per 2 o 3 volte la settimana.
    2) prendete un contenitore scuro, riempitelo per metà di acqua e versate un cucchiaio di olio (anche olio esausto da frittura), poi aggiungete una spruzzata di sgrassante comune (io uso quello per pulire la cucina) vedrete che nel giro di qualche giorno si affogheranno un sacco di zanzare che vanno li a deporre uova in quanto le loro ali si appesantiscono con l’olio.
    3)Ora un rimedio omeopatico per voi (efficacissimo, da non credere!) in farmacia comprate il Rosmarino omeopatico ovvero: LEDUM PALUSTRE 5 o 9 CH (costo intorno alle 4 Euro), prendete 2 granuli la mattina e 2 granuli la sera. Questo rimedio fa si che la vostra pelle cambi leggermente odore (impercettibile per l’uomo) e diventerete un repellente naturale per le zanzare tigre. (a me le zanzare prima di utilizzare il rimedio mi inseguivano fino dentro casa, ora addirittura si allontanano, incredibile!). Saluti a tutti.

  57. Consigli veramente utili e da provare in particolare il rimedio omeopatico al rosmarino,grazie Marco.Romani Disinfestazioni

  58. Sono disperata!!!A causa di 5 gattini randagi abbandonati dalla mamma e dei quali mi sono presa cura, sono invasa di pulci in giardino ed in casa. Vorrei risolvere tale problema nel modo più naturale possibile e con una certa rapidità. Avete consigli saggi e sperimentati? Grazie a chi mi potrà aiutare

  59. Buongiorno Sig.ra,Enrica,se è in corso una massiccia invasione di pulci occorrerà di sicuro fare una disinfestazione.Ci spedisca una e-mail all’indirizzo info@romanidisinfestazioni.com indicandoci da dove ci chiama e vedremo di indicarLe un disinfestatore più vicino a Lei qualora non ci contatti da Lucca.

  60. Blog interessante e bellissima idea raccogliere testimonianze su vecchi sistemi per risolvere problemi in/o fuori il giardino.
    La soluzione con sapone di Marsiglia ha funzionato ma la trappola per zanzare sia con lievito che con olio è fallita miseramente.
    Buona continuazione.

  61. Grazie Tiziana,quello che ci serve sono proprio le esperienze sul campo,anche se a volte i risultati possono essere alterni è importante l’esperienza anche per personalizzare le varie ricette in base a fattori esterni come il luogo geografico,l’esposizione del giardino,la vicinanza da fonti di infestazione ecc.Grazie ancora.Rosi Norman per Romani Disinfestazioni

  62. Salve. Conosco alcuni metodi che funzionano riguardo alcune piante e animali. Olio di semi, acqua e peperocino per le cocciniglie funziona. Ripetere almeno una volta la settimana. Menta vicino o intorno alle piante: mettere della menta triturata per le formiche, le allontana per due o tre giorni. Poi bisogna mettere altra pianta tipo: timo. Macerato di piante aromatiche ogni due o tre giorni diversa, da spruzzare sulle piante. In questo modo si confondono gli insetti che snervano sulle piante o depositano le uova. Es: un giorno macerato di timo; un altro giorno, macerato di rosmarino; poi di camomilla, lavanda ecc. In questo modo si dissuaderanno tantissime specie di insetti. Segreto riferito da un giardiniere bio. Aceto alla lavanda od altro spruzzato sul cane o gatto per pulci e pidocchi. Oppure sfregare olio di neem o olio di iperico e rosmarino. Ripetere dopo qualche giorno. Funziona! Ecc.

  63. Salve Giovanni,grazie di tutti questi preziosi consigli che noi i nostri lettori proveremo quanto prima nei nostri orti e giardini.

  64. abito in montagna e siamo pieni di martore che entrano nel vano motore e rosicchiano cavi e tutto ciò che ha silicone. inoltre tendono a farsi rifornimento di cibo e di trova di tutto . stavo per fondere il motore con un osso di tacchino che la bestiola ho infilato nella cinghia di raffreddamento..cosa si può usare come repellente naturale?( ci sono animali domestici liberi) pepe macinato, ammoniaca , peperoncino sul terrreno attorno alle auto??? i repellanti chimici sono costosi,se si considera che l’effetto dura solo 15 gg…..avete qualche consiglio? sta diventando una piaga in Cadore

  65. Buonasera Sig.ra Daniela,ad essere onesto non saprei come consigliarLa per questo tipo di problema così particolare.In Toscana non abbiamo per ora questo problema delle martore per cui la prima cosa che mi viene in mente potrebbe essere l’utilizzo di qualche prodotto repellente in commercio,ma specifico per i mustelidi non so’ se ve ne sono mi spiace,forse dovrebbe trovare qualcosa per i roditori anche se non saprei consigliarLe nessun prodotto perchè a livello professionale noi non usiamo questo tipo di prodotti..Saluti.Rosi Norman per Romani Disinfestazioni Srl

  66. IO su consiglio ho fermato l’invasione delle formiche con BOROTALCO messo ai piedi del muro (il problema é se piove si deve ricominciare l’operazione)

  67. Grazie di questo contributo Claudio,per le formiche sono anche da provare la farina di mais molto efficace contro Lasius niger

  68. Gentile Lorella,
    grazie del contributo,provi a verificare sui forum in rete altre esperienze in merito all’uso dell’olio di neem in modo da avere piu’ indicazioni possibili e procedere magari con dei tentativi che comunque,data la naturalità del prodotto,difficilmente potrebbero avere effetti indesiderati come invece potrebbe verificarsi con un uso improprio di prodotti insetticidi.Grazie di nuovo.Rosi Norman.CQ Romani Disinfestazioni Srl Lucca

  69. e per il grillo talpa cosa mi posso inventare che non sia la solita bottiglia tagliata e interrata?
    grazie e complimenti per tutti i consigli

  70. Salve Cinzia,non saprei darLe altri consigli per il grillotalpa,comunque il fiasco và interrato per intero senza tagliarlo, al fine di provocare un effetto “zufolo” che disturba il grillotalpa.
    Grazie dei complimenti a nome di tutto lo staff.Norman Rosi Controllo Qualità Romani Disinfestazioni Srl

  71. Buongiorno a tutti vorrei avere qualche suggerimento per allontanare la puzza dell’aglio coltivato nei vasi,che fungono da parapetto per i terrazzi in condominio,dai cinesi che fanno l’orto in terrazzo concimandolo con ogni ben di Dio,( dagli escrementi di cavallo, urina etc) senza rispettare minimamente il resto dell’umanità che li circonda. Inutile dire che mi sono più volte rivolta all’amministratore,ma senza esito. Come si può rendere la terra sterile?Certa della vs comprensione spero in un qualche riscontro positivo.

  72. Gentile Sig.ra Cristina,comprendiamo il suo disagio ma purtroppo non la possiamo aiutare per questo problema che ci segnala in quanto non siamo competenti in materia di servizi di deodorizzazione.Grazie di aver visitato il nostro blog.Rosi Norman.Romani Disinfestazioni Srl

  73. Grazie per i preziosi e numerosi consigli. Ho preso nota di alcuni e, li metterò in pratica, grazie ancora

  74. Ho una invasione di Ghiri sotto i coppi del tetto e dentro un doppio muro con intercapedine di 20 cm quindi non accessibile . Potete darmi qualche consiglio .
    Alberto

  75. Salve Alberto,
    problema di difficile soluzione se “fai da te” in quanto la presenza di intercapedini impedisce soluzioni di prevenzione,fatta esclusione per quelle misure tipo dischi ai cavi elettrici o sigillatura di fessure se entrano dalle aree esterne.In commercio non troverà niente come esche o trappole in quanto i ghiri sono specie protetta.Si faccia comunque consigliare da un disinfestatore che conoscendo le abitudini di questi animali puo’ dare soluzioni efficaci per impedire il passaggio dei ghiri dai punti che dicevo prima.Grazie.Norman Rosi

  76. Grazie per le informazioni . Non è facile trovare persona competente ma vedrò il da farsi .

  77. Utilissime le indicazioni e i commenti! Ho problemi connle farfalline del cibo..dopo accurata pulizia posso usare olio di neem per sterminare le ultime e prevenire lo sviluppo di eventuali nuove larve? Nel caso sia efficacie, come é meglio somministrarlo? Grazie fin d’ora!

  78. Salve Giorgia,non ho riferimenti da dare per l’uso di olio di neem contro le uova di tignole della farina a cui credo si riferisca.Procedendo ad una pulizia approfondita con relativa aspirazione si dovrebbero rimuovere tutti gli stadi di questo insetto.Essendo comunque le uova molto resistenti agli agenti liquidi,un trattamento con olio di neem non avrebbe effetto fino alla schiusa delle stesse.Diverso è il trattamento della dispensa con vaporella o generatore di vapore secco saturo perchè inattiva queste forme.Grazie della Sua richiesta e buona fortuna!.Norman Rosi per Romani Disinfestazioni Srl

  79. Salve vorrei un rimedio naturale contro il bruco delle prugne, la carpocapsa, qualcuno mi sa consigliare una soluzione da spruzzare sui frutti per evitare che vengano bucati dalle larve?

  80. Salve Chiara,
    purtroppo per il problema specifico non ho rimedi naturali da consigliare, continui a cercare in rete e se trova qualcosa ce lo segnali cosi’ integriamo questa parte che al momento non prevede rimedi specifici.
    Grazie di averci contattati.Rosi Norman CQ ROmani Disinfestazioni Srl

  81. Salve, innanzitutto complimenti per l’iniziativa. Ogni volta che mi reco al consorzio agrario della mia zona a chiedere un rimedio bio, mi ridono dietro… Per carità, è forse vero che con i metodi naturali ci vuole più tempo e costanza, ma perchè avvelenare l’ambiente se possiamo farne a meno?!? Mi rivolgo a voi per un consiglio, dall’anno scorso le mie piante aromatiche (soprattutto il rosmarino) sono infestate dalla “chrysolina americana”, un coleottero che rosicchia le foglioline, e dalle mosche bianche (credo) che succhiano la linfa e lasciano le foglie a macchioline bianche. Ho provato con prodotti a base di piretro (consentiti in agricoltura bio), ma senza molti risultati… Ora sto provando un prodotto a base di olio di soia, ma ho molti dubbi… Voi cosa suggerite?

  82. Salve Chiara, grazie dei complimenti innanzitutto.Premetto che se dice di aver usato prodotti a base di Piretro , (prodotto si autorizzato per un uso in agricoltura Bio, ma che è pur sempre un prodotto definito Biocida a fortissimo potere abbattente e per l’utilizzo in agricoltura bisogna comunque possedere il Patentino) se non ha sortito effetti con quello non saprei cos’altro indicare.Presumo inoltre che il rosmarino sia a scopo ornamentale e non usato come erba aromatica,perchè il Piretro non è compatibile con l’alimentazione umana e animale e casomai occorre aspettare un tempo variabile prima di mangiare la pianta o i frutti trattati; tale tempo sarà indicato in etichetta se trattasi di prodotto ufficialmente autorizzato per l’uso in Agricoltura Biologica.Detto questo provi con i rimedi a base di sapone di marsiglia, facendo delle prove e sempre che la pianta non sia destinata al consumo.L’aglio piantato alla base della pianta conferisce un sapore sgradevole a molti insetti fitofagi, gli afidi di sicuro, ma non saprei se puo’ avere effetti sul coleottero che mi segnala.Faccia delle prove che se efficaci potrà estendere alle altre piante.Grazie.Norman Rosi.CQ Romani Disinfestazioni Srl

  83. Scusate qualcuno ha dei consigli EFFICACI con le ‘forbicette’ o meglio chiamate forficula auricolaria? Abito a piano terra e mi salgono sul balcone dal giardino, la biancheria stesa di notte il mattino ne è’ piena e di conseguenza entrano anche in casa, ormai le trovo ovunque. A me fanno veramente senso, con quelle pinze che hanno davanti, ma il problema più grande e’ che io ho un piccolo cane che sta perennemente sdraiato a terra!! Vi prego aiutatemi!

  84. Salve Antonella,in effetti nella rubrica non ci sono rimedi naturali contro le “forbicette”,mi dispiace,forse è il caso di rivolgersi ad un disinfestatore se questo problema le crea fastidio.Grazie della segnalazione.Cordiali saluti.Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl

  85. Salve a tutti, recentemente ho notato che i miei libri sono infestati da minuscoli animaletti, che, dopo una ricerca in rete, penso di aver individuato in Psocotteri o Corrodenti, conosciuti anche come pulci dei libri. Ho individuato alcuni prodotti a base di piretro, sia in forma spray che fumogeni, ma vorrei evitare. In casa non sono presenti muffe o zone particolarmente umide e i libri sono posizionati come nelle normali librerie.
    Qualcuno mi può dare qualche valido consiglio per non ricorrere alla chimica?
    Grazie a tutti. Antonio

  86. Salve Antonio, ho compreso il problema e confermo con molta buona approssimazione la diagnosi.Un nostro utente mi riferi’ di aver provato con efficacia a mettere i libri nel congelatore, ma devo premettere che aveva un ottimo congelatore e che mise i libri in contenitori di plastica sigillati,al fine di non far penetrare umidità.Se proprio non vuole rivolgersi ad un disinfestatore puo’ provare con questo metodo,magari iniziando con un libro meno pregiato e fare una prova.Qualora non funzionasse c’è un metodo non chimico, ma che invece necessita di avvalersi di un esperto: mettere i libri sotto Azoto o CO2, sono metodi ecologici ma che non si possono fare in modalità “fai da te”.Grazie della Sua domanda, e ci faccia sapere . Saluti.Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl

  87. Buongiorno ho una pianta di limoni in caso infestata da formiche e da cocciniglia, come posso fare? La pianta è già piena di limoni….
    Grazie in anticipo per il vostro aiuto!
    Sabrina

  88. Salve Sabrina,credo che le formiche siano presenti perchè ci sono gli afidi che emettendo una secrezione zuccherina attirano le formiche.Se fosse così provi un sistema per gli afidi tra quegli proposti anche in questa pagina,considerando che vuole mangiare i limoni ovviamente.Se invece ci sono solo le formiche e la cocciniglia non saprei indicare sistemi naturali validi: per quest’ultima provi la rimozione meccanica indossando un paio di guanti nel caso abbia una sola pianta e quindi non ni tratti di un lavoro improbo.Grazie.Norman Rosi.CQ Romani Disinfestazioni Srn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *