Scleroderma Domesticum

Scleroderma Domesticum
Scleroderma domesticus

Di dimensioni simili ad una formica è lungo circa 2-4 mm. E’ un parassita dei tarli della famiglia dei betilidi per cui viene sovente rinvenuto in abitazioni ove siano presenti travature principali o secondarie,armadi,mobili e suppellettili in legno infestate dai tarli, siano essi anobidi che capricorno delle case.
La femmina penetra frequentemente nelle gallerie scavate dai tarli nel legno di vecchi mobili o di travature del tetto, punge le larve di questi ultimi con il pungiglione situato all’estremità dell’addome, paralizzandole con il veleno e deposita sopra le uova di modo che le sue larve neonate troveranno una facile fonte di cibo. Quando le larve raggiungano la maturità diventeranno a loro volta esemplari di scleroderma adulti.

Hanno anche la particolarità in assenza di prede di attaccare le persone, procurando punture assai dolorose anche in sequenza di tre-quattro con il tipico arrossamento da puntura.

Nel periodo primaverile-estivo può fuoriuscire dalle gallerie,(fenomeno che più volte è stato riscontrato anche in sede di sopralluogo da parte dei tecnici della Romani Disinfestazioni Srl)  e possono  pungere le persone, sopratutto nelle ore notturne.

Le punture si manifestano visivamente anche per circa 10 giorni con sintomi che vanno dal semplice prurito fino a febbre alta e malessere generalizzato.

Contro questi ultimi insetti, difficilmente visibili, si consiglia di procedere ad eseguire interventi mirati contro i tarli, cui sono legati per il proprio sviluppo:

prenoti adesso il sopralluogo telefonando al n° 0583-955344

In America le api a rischio estinzione

api a rischioFonte: Redazione Tiscali Scienze

Un terzo degli alveari non è sopravvissuto all’inverno.

Nuovi dati provenienti dagli Usa dimostrano che le api si stanno estinguendo con una rapidità allarmante: per il quarto anno di fila più di un terzo degli alveari del paese non è sopravvissuto all’inverno. Il declino dei 2,4 milioni di colonie stimati oggi negli Usa, è iniziato nel 2006 a causa di una malattia, la sindrome dello spopolamento degli alveari: da allora, ricorda il settimanale britannico The Observer, oltre tre milioni di colonie negli Usa e miliardi di api in tutto il mondo sono morti e gli scienziati ancora non sono venuti al capo del drammatico fenomeno.
Il numero delle colonie negli Usa è crollato del 33,8% l’inverno scorso, secondo il sondaggio annuale degli Apiary Inspectors of America e dell’Agricultural Research Servicestatunitense. Il collasso della popolazione di api rappresenta una grave minaccia per i raccolti: secondo le stime un terzo di ciò che mangiamo dipende dall’impollinazione delle api da miele. In altre parole il contributo delle api all’economia globale vale 30 miliardi di euro. Le cause possibili della moria vanno dall’acaro varroa alle infezioni batteriche e virali, dai pesticidi alla cattiva nutrizione dovuta all’agricoltura intensiva. La scomparsa di un numero così elevato di colonie è stata soprannominata anche “la sindrome della nave fantasma” per dell’assenza di api morte negli alveari vuoti. Continua la lettura di In America le api a rischio estinzione

A Montecarlo (Lucca) ordinanza anti-piccioni

anti-piccioni

DA: La Redazione de LO SCHERMO

Montecarlo: Fantozzi dichiara guerra ai piccioni 06/05/2010

Dopo avere ricevuto una serie di segnalazioni e avere verificato attraverso l’ufficio tecnico comunale che la situazione si è aggravata nelle ultime settimane, il sindaco di Montecarlo Vittorio Fantozzi ha emanato una ordinanza con la quale l’amministrazione comunale di Montecarlo dichiara di fatto guerra ai piccioni. “Nessuna persecuzione verso questi animali – precisa il sindaco di Montecarlo- ma dobbiamo intervenire in modo drastico a causa del proliferare di queste colonie di piccioni che creano problemi di igiene pubblica e di decoro urbano. Due elementi che abbiamo sempre perseguito come amministrazione comunale.” Come si legge nella ordinanza firmata dal primo cittadino l’aumento della presenza dei piccioni sta “determinando Continua la lettura di A Montecarlo (Lucca) ordinanza anti-piccioni

Aiuto, formiche giganti!

formiche giganti

Camponotus hercoleanus o la sottospecie ligniperda, chiamate comunemente formiche giganti, sono tra le più diffuse e quelle di maggiori dimensioni,oltre 1 cm di lunghezza.

Attaccano molto spesso le vecchie ceppe degli alberi abbattuti, le palificazioni (tra cui testimoniamo i pali dell’enel in legno crollati sotto l’attacco di queste formiche xilofaghe), i travi ed i travicelli, i pannelli coibentanti in stifferite dove fanno il nido.

La disinfestazione contro queste formiche può essere condotta con trattamenti a base di insetticida liquido ed anche con le nuove esche in gel,da circa un anno sul mercato. Sull’uso delle esche in gel occorre fare dei distinguo in quanto questo metodo può essere più o meno efficace in base all’andamento stagionale ed alle alternative alimentari che hanno a disposizione le formiche nell’area interessata.

Romani Disinfestazioni assicura 100% di successi nella risoluzione di queste infestazioni.

Lotta obbligatoria per la Processionaria

processionaria

Lotta obbligatoria  Processionaria del pino.

Per malattie delle piante di particolare gravità il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali impone precisi provvedimenti. Con il D.M. 30 ottobre 2007  sono state definite le “Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro la processionaria del pino – Traumatocampa pityocampa”. Continua la lettura di Lotta obbligatoria per la Processionaria

L’importanza del sopralluogo

sopralluogo

Il sopralluogo rappresenta il momento più importante nel rapporto Cliente-Fornitore.

Oltre a conoscerci di persona il sopralluogo ci serve per acquisire informazioni preziose sulla presenza di infestazioni e, nella maggioranza dei casi, poter dare pareri sull’andamento quali-quantitativo di quest’ultime.Possiamo avvalerci di strumenti ed attrezzature che ci aiutano a raggiungere anfratti non raggiungibili con l’occhio umano e che proprio per questo motivo rappresentano i rifugi elettivi degli infestanti.

Una volta effettuato il sopralluogo può essere emesso un parere tecnico ed elaborata un offerta qualora il problema si possa risolvere con una disinfestazione.

Sotto una videocamera modello Snake

Snake camera

Adotta un pipistrello a casa tua con la bat-box

Da qualche anno sono disponibili le bat-box, piccole casette per pipistrelli da posizionare all’esterno delle abitazione per dare loro ospitalità.

Aiutano concretamente a tenere lontani gli insetti, in una notte ne riescono a mangiare a centinaia e sono inoltre degli importanti bio-indicatori sullo stato qualitativo dell’ambiente.

In vendita nella grande distribuzione e nei garden sono di facile posizionamento e ad un costo contenuto

adotta un pipistrello(Immagine Coop.It)

Unici installatori EcoBirds a Lucca

eco birds

Da anni abbiamo come unico obiettivo quello di rendere un servizio di qualità  in miglioramento continuo.

La crescita costante e la fiducia che ci date ci ha spinto ad investire sempre più  in Formazione ed in Addestramento aumentando così le competenze tecniche che i nostri operatori mettono tutti i giorni sul campo.

Siamo pertanto lieti di poter offrire da oggi un ulteriore supporto professionale diventando unici installatori autorizzati del circuito Ecobirds nella provincia di Lucca.

Il circuito Ecobirds annovera tutti gli installatori di dispositivi di dissuasione volatili e copre l’intero territorio nazionale.

Anche per questo siamo orgogliosi di poter offrire questa garanzia: La professionalità dei nostri tecnici,che sono sempre a Sua disposizione per un sopralluogo,un consiglio o un preventivo per risolvere il Suo problema di piccioni.

Tel 0583-955344  Fax 0583-490334  info@romanidisinfestazioni.com

Proteggere i vestiti dalle tarme

proteggere vestiti dalle tarme

E’ tempo di riporre i vestiti utilizzati in questo lungo inverno ormai alle spalle ed occorre applicare tutte quelle precauzioni volte a proteggere i nostri capi di abbigliamento dagli attacchi delle tarme.La tarma  è un piccolo insetto capace di una discreta mobilità,può quindi spostarsi con facilità e penetrare dentro gli armadi.

Tassonomicamente la tarma dei tessuti è un lepidottero:allo stadio adulto si presenta come una farfalla mentre gran parte del suo ciclo biologico lo passa allo stadio larvale.

E’ durante lo stadio larvale che si ciba di sostanze contenenti proteine a base di cheratina e quindi è ghiotta di tessuti quali lana,pellicce,piume,seta,e anche cotone, provocando i tipici danni ai capi di abbigliamento che si notano nel momento in cui il capo viene preso dagli armadi per l’inverno ormai alle porte.

Esistono due specie di tarma: Continua la lettura di Proteggere i vestiti dalle tarme

Zanzara Tigre:una super specie

Zanzara tigre

Fonte: www.wikipedia.it

Descrizione

La zanzara tigre è lunga dai 2 ai 10 millimetri. È vistosamente tigrata di bianco e nero. I maschi si contraddistinguono dalle femmine in quanto sono più piccoli di circa il 20%; ciononostante possiedono una morfologia molto simile. Come con tutte le specie di zanzare, le antenne dei maschi sono decisamente più folte rispetto a quelle delle femmine. I palpi mascellari dei maschi sono più lunghi delle loro proboscidi; Continua la lettura di Zanzara Tigre:una super specie

Vespe e calabroni:attenzione alle allergie

Fonte: www.wikipedia.it

Si distinguono per avere gli occhi composti a forma di rene ricurvo. Lunghi da 1 a 5 cm , i vespidi hanno corpo bruno o nero a strisce gialle o variamente colorato nelle specie di paesi tropicali.Le vespe sono insetti sociali: le loro società comprendono femmine sterili, operaie, ed una o più femmine fertili dette regine. I maschi appaiono solo nel periodo riproduttivo.

Nell’ordine degli Imenotteri si riscontrano molti altri esempi di socialità più o meno evoluta,
il livello di socialità delle vespe, anche se spesso complessa ed affascinante, è meno “evoluta” di quella delle api e di molte specie di formiche che rappresentano fra gli esempi evolutivi più alti della socialità fra gli insetti. La socialità è apparsa negli imenotteri diverse volte durante la storia evolutiva dell’ordine. Probabilmente questa particolarità è data da una caratteristica genetica per la quale tutti i maschi sono di tipo aploide, mentre le femmine sono tutte di tipo diploide.
Secondo un complesso calcolo quindi le sorelle fra loro sarebbero geneticamente simili per il 75% mentre condividono solo il 50% del patrimonio genetico con le madri. [3] Secondo alcuni studiosi[4] per tale motivo le femmine sono portate ad aiutare la madre a generare sorelle invece di dedicarsi a generare prole propria.

I nidi possono essere più o meno complessi e sempre costituiti di un materiale simile al cartone che viene creato impastando del legno con la saliva (da qui il soprannome di vespe cartonaie)[5] e sono posti su rami, rocce, cavità dei tronchi oppure sottoterra, e sono divisi in cellette esagonali con apertura inferiore. Il numero di componenti di una società può andare da alcune decine (è il caso ad esempio del Polistes gallicus diffuso in tutta l’Europa Meridionale), a più di 100.000 individui come nel caso di certe specie tropicali.

Gli adulti delle vespe si cibano di nettare dei fiori ma predano piccoli insetti per integrare la dieta delle larve che allevano nel nido. Le vespe producono anche piccole quantità di miele che usano sia per nutrire le larve che per rapporti sociali attraverso trofallassi.

Le femmine sono dotate di un aculeo velenoso che utilizzano esclusivamente per difesa e la puntura è dolorosa, in alcuni casi pericolosa perché potenziale scatenante di forme allergiche. In tal senso, la vespa più pericolosa è spesso considerata il calabrone, anche se recenti studi[6] sembrano dimostrare che questa specie non sia in realtà particolarmente aggressiva verso gli esseri umani.

Fra le varie specie di Vespidae ne esistono anche con un comportamento da parassita sociale. Ad esempio nell’ambito del genere Polistes, le femmine delle varie specie del sottogenere Sulcopolistes riescono ad accedere ad un nido iniziato, sottomettono la femmina dominante, ed eventuali altre operaie, e depongono le loro uova nelle celle libere del nido. Da quel momento le operaie iniziano a nutrire e curare le larve del parassita. Le femmine del parassita sono sempre tutte feconde e non operano alcuna attività nel nido.[7]

Il termine comune vespa indica anche molte specie appartenenti a famiglie con comportamento solitario, quali gli Sphecidae, le Scolidae.

Trappola per cimici dei letti

Ecco la nuova trappola per cimici dei letti.

Da subito disponibile per monitoraggi in camere di alberghi,bed & breakfast,affittacamere ed individuare in questo modo i punti da trattare in maniera mirata.

Come per tutti gli altri problemi legati alla presenza di infestanti anche per la cimice è fondamentale la prevenzione:imparando a riconoscere infatti i segni della loro presenza sopratutto da parte del personale addetto ai piani e alle pulizie nelle camere si possono evitare situazioni anche critiche che si potrebbero creare per fenomeni infestativi a danno dei Clienti.

Chiedici maggiori informazioni al numero 0583.955344.Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl
Consulta anche gli altri nostri post sull’argomento tornando alla home su http://www.romanidisinfestazioni.com

trappola per cimici dei letti.

Termiti: queste sconosciute

Termiti: queste sconosciute

termiti: queste sconosciute
termiti

Romani Disinfestazioni Srl esegue servizi di monitoraggio e controllo delle colonie di termiti sotterranee Reticulitermes Lucifugus.Diffuse in molte regioni le termiti sono sconosciute ai più tant’è che molti pensano che questi strani insetti vivano solo in Africa, infatti chi subisce gli attacchi da parte di questi insetti non sempre  si accorge che non si tratta dei soliti tarli od altri insetti xilofagi.

Abbiamo bonificato diverse aree sia in lucchesia sia nelle province limitrofe, utilizzando i sistemi basati sull’uso di IGR, (inibitori di crescita) che colpiscono gli insetti nel momento della loro muta impedendo la formazione della chitina.Le esche impregnate di questi principi attivi una volta mangiate dagli insetti vengono diffuse all’interno della colonia (sotterranea ndr) portando alla lenta distruzione della stessa,nell’arco di circa 24 mesi.E’ un sistema da molti anni utilizzato negli USA,in Francia e in Spagna ed i prodotti utilizzati hanno una bassissima tossicità per cui non presentano particolari controindicazioni per l’uomo e gli animali domestici.

Il sistema Exterra

Termiti

Nota della Redazione: il sistema Sentri Tech non sarà piu’ venduto e commercializzato in Italia da Copyr a partire dal  01 ottobre 2017 e gli applicatori potranno utilizzarlo fino ad Aprile 2018.Telefonare al numero 337-1238029 per avere informazioni sulle tecniche alternative da applicare per il monitoraggio e il controllo delle colonie di termiti sotterranee.

Il monitoraggio dei roditori

rattiIl  monitoraggio dei roditori viene effettuato mediante appositi dispositivi, trappole ed erogatori di esca,grazia ai quali il tecnico riesce ad evidenziare eventuali infestazioni da roditori, apprezzandone sia il grado di infestazione che la tipologia infestativa.

 

 

 

Il monitoraggio vero e proprio si esegue senza l’utilizzo di prodotti tossici (esche rodenticide) in quanto nelle aziende alimentari  l’uso di prodotti chimici è molto limitato,per cui questo servizio viene condotto seguendo procedure ben definite e che devono essere in sinergia con tutta una serie di accorgimenti relativi alla prevenzione dalle intrusioni dei roditori dalle aree esterne.
roditori

 

 

 

 

 

 

Infatti la limitazione che la normativa vigente impone circa i tempi di utilizzo delle esche rodentide ha come conseguenza che tutti i soggetti coinvolti nel servizio,ossia principalmente il Cliente ed il Fornitore del servizio di disinfestazione, facciano la loro parte.

Forse non tutti sanno che esistono pubblicazioni che hanno come argomento le caratteristiche costruttive che devono avere i fabbricati destinati alla lavorazione,stoccaggio e vendita di alimenti.

Questo è fondamentale affinchè il Disinfestatore possa limitare conseguentemente l’uso della chimica,limitandosi solo a speeifici e mirati interventi di disinfestazione,anche se bisogna ammettere che in certi casi la vetustà dei fabbricati rende l’operazione di sigillatura ed impermeabilizzazione perfetta contro le intrusioni molto difficile e a volte impossibile.

Ti invitiamo a visitare il link a questo testo fondamentale per Aziende Alimentari e Disinfestatori  e troverai spunti interessanti per migliorare questo aspetto fondamentale per un servizio efficiente ed efficace.

roditori

Piccioni

piccioniL’allontanamento dei volatili molesti dalle abitazioni è spesso dovuto alla presenza di piccioni.In alcune città vi sono addirittura ordinanze comunali che obbligano i residenti a monitorare ed eventualmente ad adottare misure di prevenzione che impediscano lo stazionamento temporaneo o permanente dalle strutture abitative.Romani Disinfestazioni Srl mette in campo tecnici formati ed addestrati per eseguire interventi di dissuasione piccioni,utilizzando tutti gli strumenti di dissuasione incruenta ad oggi disponibili.

Un sopralluogo è fondamentale per verificare il grado di infestazione,le aree infestate e quindi la tipologia di dissuasori da adottare.Spesse volte è necessaria una piattaforma aerea per raggiungere le porzioni di fabbricato oppure l’utilizzo di ponteggio edile, in ogni caso vanno verificate tutte le necessarie condizioni di sicurezza per operare in quota.
Altre informazioni su: http://www.ecobirds.com

Cimici dei letti

 

Cimici

Trappole per cimici dei letti tra poco disponibili per monitoraggio in  camere di alberghi,bad & breakfast,ostelli,agriturismi ecc.

Guarda il video

Queste trappole riproducono l’ambiente ideale per le Cimici dei Letti al fine di favorirne l’annidamento all’interno della struttura ondulata della trappola.
Un ‘ampia superfice collata consente di bloccare la trappola dietro la testata del letto e sotto le doghe della rete del materasso.
La trappola è dotata di un apposito spazione per registrare i passaggi dei monitoraggi.

Abbiamo predisposto brevi incontri formativi per il personale che segue le pulizie nelle strutture alberghiere e ricettive in genere, al fine di monitorare con efficacia una eventuale presenza di questi pericolosi insetti.

Ci sono tanti altri strumenti per prevenire le infestazioni o per proteggere i materassi per evitare che le cimici dei letti vi si annidino all’interno come i Protect a Bed, sacchi proteggi materasso.
Per ulteriori informazioni contattaci al numero 0583-955344 oppure per email all’indirizzo qualita@romanidisinfestazioni.com.Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl

Primavera 2010

La primavera è alle porte.

L’arrivo della bella stagione può essere l’occasione per effettuare tutta una serie di trattamenti preventivi che sfruttando il particolare momento stagionale possono in taluni casi scongiurare interventi di disinfestazione più invasivi.

Tra questi interventi possiamo sicuramente citare la lotta alla processionaria del pino,oppure i trattamenti contro i tarli del legno che si stanno in questo momento approntando alla schiusa, per non parlare delle zanzare le cui larve sono proprio in questi periodi nella prima fase di riproduzione stagionale.Ci contatti per un sopralluogo al n° 0583-955344 oppure per posta elettronica all’indirizzo info@romanidisinfestazioni.com: i nostri tecnici sono a Sua disposizione.

Romani Disinfestazioni è una Azienda Certificata UNI EN 16636

certificato_uni_en_16636
Erano già alcuni mesi che stavamo lavorando all’implementazione delle procedure necessarie a soddisfare i requisiti della Norma UNI EN 16636 e alla fine del mese di ottobre 2017 abbiamo superato con successo l’Audit di verifica da parte dell’Ente di Certificazione CSQA, nostro referente da quasi 20 anni nei percorsi di Certificazione che abbiamo sin qui intrapreso.
Abbiamo deciso di seguire i principi previsti da questo Standard in quanto abbiamo ritenuto molto utile e positivo l’approccio al Pest Management improntato ad una attenta analisi e gestione del rischio connesso con una infestazione sia reale che potenziale.
Contattaci per maggiori informazioni e ti spiegheremo come poter applicare anche presso la Tua Azienda Alimentare un servizio di Pest Management moderno e al passo con tutte le innovazioni tecniche e procedurali che il mercato oggi richiede.
Rosi Norman CQ Romani Disinfestazioni Srl

Servizi di Pest Management a norma HACCP per Aziende Alimentari Certificate BRC/IFS-AIB e Food Packaging – Italia Toscana Lucca